Human Library, la biblioteca dove si leggono persone e non libri

Human Library. Dilaga il progetto nato 20 anni fa in cui i lettori “prendono in prestito” persone e non libri e ne “leggono” la storia

Human Library
Human Library – Foto dal Web

Quando si legge un libro si ha spesso la sensazione di fare un viaggio nella vita di altre persone. Con l’occhio della fantasia vedi posti dove non sei mai stato, conosci gente che non hai mai incontrato, vivi esperienze che non ti sono familiari e che probabilmente non affronterai mai.

Hai combattuto la balena bianca con il capitano Achab, attraversato il Monte Fato con Frodo, risolto crimini efferati con Sherlock Holmes, cavalcato draghi e lanciato magie con Harry e i suoi amici di Hogwarts.

Ebbene, rivisitate il concetto di “vivere vite degli altri” e fatelo sul serio. Nasce così il progetto Human Library.

In una biblioteca vera e propria, i “libri” sono persone alle quali viene chiesto di raccontare le loro esperienze uniche e speciali. I “lettori” possono scegliere tra vari “titoli” (a volte provocatori) e “prenderli in prestito” (Ragazza lesbica, Donna islamica col velo, Emigrato albanese, tanto per citarne alcuni).

E’ un modo per celebrare la diversità e promuovere l’uguaglianza riconoscendo deliberatamente differenze, stili di vita, etnie, fedi, disabilità, capacità e caratteristiche che possono essere stigmatizzate. Il presupposto è di provocare uno sconvolgimento nell’esistenza del “lettore” e l’abbattimento dei pregiudizi.

Si offre l’opportunità di “prendere in prestito” una persona per avere una conversazione sicura e rispettosa. Human Library ha il potenziale per sfidare i pregiudizi, gli stereotipi e gli stigmi che possono portare alla discriminazione.

Leggi anche >>> PREMIO STREGA 2020, 9 GIUGNO: ANNUNCIO IN DIRETTA DEI 5 FINALISTI

Human Library, come si svolge una “lettura”

 

Visualizza questo post su Instagram

 

These days the Human Library are hosting readings at @the_imf in Washington! ? #Washington #HumanLibrary #RealPeople #RealConversations

Un post condiviso da Human Library International (@humanlibraryorganization) in data:

Il primo evento si è tenuto nel 2000 a Copenaghen e da allora l’Organizzazione delle Human Library, fondata da Ronni Abergel, è diventata un fenomeno internazionale con “biblioteche” in oltre 70 paesi. Ogni libro umano è un volontario e, oltre a rispondere a domande pertinenti, ha anche la facoltà di non replicare o di iniziare un dialogo con botta e risposta. Ciò che non dovrebbero fare è trasformare la conversazione in narrazione o autopromozione.

Le biblioteche umane usano una terminologia familiare. Alla scrivania principale è disponibile un elenco di “libri” e ogni lettore riceve una tessera  da uno dei bibliotecari.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Human Library International (@humanlibraryorganization) in data:

Gli eventi della Human Library si svolgono già nelle scuole e un nuovo schema pilota è ora in fase di sperimentazione in grandi aziende lungo linee simili chiamate “Prendi in prestito un collega”.

Leggi anche >>> LA RIAPERTURA DELLE LIBRERIE E IL PESO DELLA CULTURA