Disturbi cardiovascolari, alla base c’è una causa impensata

I disturbi cardiovascolari come ipertensione, problemi al cuore fino ad arrivare all’infarto dipendono anche dalle emozioni, soprattutto quelle negative. Ecco il perché

 

disturbi cardiovascolari
(Pixabay)

I disturbi cardiovascolari dipendono molto dalle nostre emozioni. È la scienza a dirlo che ha spigato come le emozioni, quelle negative nello specifico, hanno effetti negativi non solo sul benessere psicofisico ma anche su quello fisico.

È questo dipende tutto dal perdono secondo la scienza. Questo atto di coraggio ma anche di ammissione di una colpa, degli altri o propria, sta alla base dello scaturire di diversi problemi fisici, primi tra tutti quelli cardiovascolari.

Sì perché se si riesce a perdonare le emozioni negative come la ruminazione, il rancore e la rabbia, si riducono drasticamente e di certo la forma psico-fisica migliora. Il problema insorge però quando tutto questo non succede e le emozioni negative e deleterie rimangono dentro.

La rabbia, l’ostilità e il risentimento influiscono gravemente sulla salute. Non fanno altro che aumentare la pressione sanguigna e di dunque l’incidenza dei disturbi cardiovascolari.

LEGGI ANCHE —> Come sostituire il burro a tavola, alternative e consigli

Disturbi cardiovascolari, il perdono alla base di tutto

Disturbi cardiovascolari
(pixabay)

L’ipertensione e le malattie coronariche, come spiega la sezione salute di Libero Quotidiano, sono delle patologie che riguardano il cuore e vengono riscontrate sempre di più e con maggiore evidenza nelle persone che per carattere tengono a mantenere ostilità e rabbia. Delle emozioni del tutto negative, date dall’incapacità di perdonare, che influiscono anche sulla qualità del sonno che via via cambia e in peggio.

Tutto dipende dalla ruminazione ossessiva che può essere manifesta o repressa e che incide pesantemente sullo stato della nostra salute. Non solo quando siamo svegli ma anche quando dormiamo.

LEGGI ANCHE —> Come eliminare il tartaro dai denti, i rimedi naturali

disturbi cardiovascolari
(Pixabay)

È per tutte queste ragioni che si dovrebbe cercare di tendere sempre verso emozioni positive e benevole, mettendo da parte rancore e astio. Non sempre è facile ma lavorare sul concetto di perdono è essenziale per migliorare la propria vita. Perdono verso gli altri ma anche e soprattutto verso sé stessi.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale , seguici anche su sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter