Malore fulminante | Alan stroncato a cena con gli amici a 35 anni

Amato da tutti, Alan muore dopo una agonia di diversi giorni a seguito di un malore fulminante. Si era sentito male mentre mangiava fuori con il suo gruppo.

malore fulminante
Ucciso a 35 anni a cena con gli amici da un malore fulminante Foto dal web

A Voltago, in provincia di Belluno, c’è enorme sgomento per la scomparsa di un giovane del posto, molto conosciuto. Lui si chiamava Alan Scussel e lavorava come tecnico per Luxottica. L’uomo aveva solamente 35 anni ed un malore fulminante lo ha stroncato durante quella che doveva essere una felice e spensierata occasione.

LEGGI ANCHE –> Madre muore mentre fa un bagno: la tragedia sotto gli occhi del marito e del figlio

Infatti Alan era uscito fuori a pranzo con gli amici. C’è anche da aggiungere che a peggiorare la situazione si sono aggiunti circa 15 giorni di agonia, vissuti all’ospedale di Belluno. Scussel si trovava con la sua comitiva quando quello che sembra essere un probabile aneurisma lo ha colto di colpo. Sulle prime i presenti avevano creduto che Alan fosse alle prese con un boccone andato di traverso. Infatti lui stava assumendo un comportamento allarmato.

Leggi anche —> Morto il bimbo di 1 anno precipitato dal balcone, la madre: “È caduto dal letto”

Malore fulminante, niente da fare per il povero Alan

Pochi secondi ed il 35enne ha perso i sensi. L’ambulanza del 118 giunta immediatamente sul posto lo ha soccorso e tratto subito in ospedale. Lì i dottori hanno fatto il possibile per salvarlo, ma era emersa fin dal primo minuto l’interruzione dell’attività cerebrale. La degenza in terapia intensiva non ha sortito i frutti sperati. Dopo oltre due settimane ecco sopraggiungere il decesso. Ed ora sarà l’autopsia a stabilire le cause di questa tragedia.

LEGGI ANCHE –> Scopre la moglie e l’amante sugli scogli | la sua vendetta è atroce

Possibile che il malore fulminante possa essere attribuibile anche ad un problema al cuore. Il decesso non appare comunque sospetto, per cui non si procederà con una relativa inchiesta.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici anche su sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter