Coronavirus, il bollettino dell’8 settembre: 1.370 nuovi casi di contagio

Il Ministero della Salute, nella giornata di oggi, martedì 8 settembre, comunicherà i numeri dell’epidemia da coronavirus in Italia tramite bollettino.

Covid-19 Mappa regione Italia
(Ministero della Salute)

Appena pubblicato dal Ministero della Salute l’aggiornamento in merito all’epidemia da Covid-19 che si è diffusa in Italia. Stando ai dati odierni, i casi di contagio ammontano a 280.153, ossia 1.370 unità in più di ieri. Di questi sono 33.789 (+796) i soggetti attualmente positivi. Salgono ancora i ricoveri in terapia intensiva che risultano essere 143, ossia 1 in più di ieri. Le persone guarite dall’inizio dell’emergenza sono ad oggi 210.801 con un incremento da ieri di 563 unità. Si aggrava il bilancio dei decessi giunto a 35.563, di cui 10 registrati nelle ultime 24 ore.

La Regione Abruzzo, come si legge nella tabella del Ministero, ha segnalato l’eliminazione di un caso segnalato nei giorni passati, in quanto già in carico ad altra Regione.

Coronavirus, bollettino: i numeri del Covid-19 in Italia nella giornata di lunedì 7 settembre

Coronavirus
(Getty Images)

Nella giornata di ieri i casi di contagio ammontavano a 278.784. Aumentavano ancora gli attualmente positivi 32.993, così come i ricoveri in terapia intensiva: ieri in totale 142. Le persone guarite salivano a 210.238. Il bilancio delle vittime dall’inizio dell’emergenza saliva a 35.553.

La Regione Sicilia segnalava che dei 49 nuovi positivi, 15 erano ospiti dell’hotspot di Lampedusa, mentre 3 dei nuovi positivi in Calabria erano migranti. La Campania, si leggeva nelle note, aveva comunicato che nell’aggiornamento quotidiano erano presenti 42 soggetti positivi da attribuire ai giorni scorsi.

PER APPROFONDIRE LEGGI QUI —> Coronavirus, il bollettino del 7 settembre: oltre 1.100 nuovi casi di contagio

Coronavirus, bollettino: i numeri del Covid-19 in Italia nella giornata di domenica 6 settembre

Il Ministero della Salute nella giornata di domenica ha reso noto che i casi di contagio dall’inizio dell’emergenza ammontavano a 277.634. Di questi risultavano essere attualmente positivi 32.078 soggetti. In aumento i ricoveri in terapia intensiva: in totale 133. Le persone guarite erano salite a 210.015. Si aggravava il bilancio dei decessi giunto a 35.541.

La Regione Calabria, si leggeva nelle note, segnalava che dei 27 positivi, 8 erano migranti, stesso numero di quelli registrati in Sicilia sui 37 positivi. L’Emilia Romagna aveva eliminato un caso in quanto non giudicato come soggetto Covid-19.

PER APPROFONDIRE LEGGI QUI —> Coronavirus, il bollettino del 6 settembre: oltre 400 guariti nelle ultime 24 ore

Vaccino anti-Covid 19, Burioni: “Bisognerà convincere la gente a farselo somministrare”

Gli Stati Uniti hanno annunciato l’arrivo delle prime dosi di vaccino contro il Covid-19 durante il prossimo autunno, una notizia che fan ben sperare, data la nuova impennata di casi di contagio registratasi in alcune Nazioni, Italia compresa. A commentare l’annuncio è stato il virologo Roberto Burioni, in un articolo pubblicato su MedicalFacts, rivista d’informazione scientifica da lui fondata. Secondo il virologo dell’Università San Raffaele di Milano, la notizia può essere interpretata sia in modo pessimistico sia ottimistico. Nel dettaglio, l’annuncio del vaccino potrebbe essere una brutta notizia, ad avviso di Burioni, poiché a novembre si terranno le elezioni negli Usa: “Per presidente uscente, Donald Trump – scrive il virologo- il potere di annunciare l’inizio delle vaccinazioni prima del voto sarebbe certamente un elemento che favorirebbe il suo successo“.

A parere dell’esperto, quanto affermato dagli Stati Uniti potrebbe rivelarsi una bellissima notizia, invece, per un motivo completamente diverso.

PER APPROFONDIRE LEGGI QUI —> Vaccino anti-Covid 19, Burioni: “Bisognerà convincere la gente a farselo somministrare”

Coronavirus, dal Veneto arrivano le prime notizie sul vaccino

Buone notizie dal Veneto sul fronte vaccino anti-Covid, più nello specifico dall’Ospedale di Verona. Nel nosocomio, infatti sono iniziati su 6 soggetti volontari le sperimentazioni sull’uomo. Si tratta di persone residenti in Regione di età compresa tra i 18 ed i 54 anni. Uno di loro avrebbe dichiarato che prima di intraprendere questa fase si sarebbe a fondo documentato.

Il vaccino in fase di sperimentazione è stato prodotto dalla società biotecnologica italiana ReiThera ed ha superato con successo i pre-test cui devono essere sottoposti i vaccini. Ciò gli ha consentito di avere l’approvazione per passare alla fase di sperimentazione sull’uomo. In proiezione è possibile, dunque, che entro il 2021 potrebbero essere immesse le prime dosi.

PER APPROFONDIRE LEGGI QUI —> Coronavirus, dal Veneto arrivano le prime notizie sul vaccino

Covid, Pregliasco: “Contagi? Bisogna essere prudenti con l’inverno”

Il professor Fabrizio Pregliasco si è espresso in ordine all’attuale andamento dell’epidemia in Italia. A suo avviso oggi tutte le Regioni mostrerebbero una omogenea distribuzione di casi, mentre nella prima fase emergenziale Lombardia e Piemonte erano quelle che destavano maggiori preoccupazioni.

Con il ritorno del freddo, ha aggiunto, non può escludersi una recrudescenza del virus. Ciò soprattutto in forza del fatto che i sintomi del Covid-19 ben saranno ammantati da quelli dell’influenza.

PER APPROFONDIRE LEGGI QUI —> Covid, Pregliasco: “Contagi? Bisogna essere prudenti con l’inverno”

Covid, Alberto Zangrillo interviene nuovamente sulla gravità del virus

Il professor Alberto Zangrillo, a mezzo della propria pagina Facebook ha divulgato l’esito di una ricerca pubblicata sul Biomedicalcentral. Tale studio ha avuto ad oggetto la carica virale del Covid-19 ed il rapporto con i pazienti positivi. volte superiore a quella di chi non era stato sottoposto a ventilazione meccanica.


Zangrillo fa notare, dunque, come la carica virale incida sull’effettivo stato del paziente affetto dal virus.

PER APPROFONDIRE LEGGI QUI —> Covid, Alberto Zangrillo interviene nuovamente sulla gravità del virus

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici anche sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter.