Alimentazione e sonno, cosa mangiare e cosa no alla sera

Il rapporto alimentazione e sonno è importantissimo: alcuni cibi lo conciliano mentre altri lo inibiscono. Tutti i dettagli

alimentazione e sonno
Sonno disturbato (pixabay)

L’alimentazione influisce molto sulla nostra vita e non solo per questioni di linea. Dai cibi che mangiamo si influenzano diversi aspetti della quotidianità, non ultimo il sonno. Non solo perché da quello che mangiamo dipende la digestione e il metabolismo, ma anche l’energia che consumiamo per trasformarlo con tantissimi meccanismi e reazioni che si innescano.

Questo è il motivo per il quale bisogna mangiare bene per dormire bene. Non bisogna esagerare ma nemmeno stare alle ristrettezze. Se si mangia poco o non si mangia affatto è difficile conciliare il sonno. Circolano pochi zuccheri nel sangue e quindi si instaura nel fisico nervosismo e difficoltà nell’addormentarsi.

Importate è inoltre non andare a letto con il “cibo sullo stomaco” come si suol dire. È essenziale che le due azioni siano distanziate e che ci sia un distacco consigliato di tre ore tra l’ora del pasto serale e l’ora del sonno. Questo permette che la digestione venga fatta correttamente e ed evita difficoltà respiratorie, aumento della pressione e tachicardia.

LEGGI ANCHE –> Buccia di limone congelata, la scienza ci svela quali sono i benefici

Alimentazione e sonno, i cibi consigliati e quelli da evitare

notti insonne
Sonno disturbato (GETTY IMAGES)

Cosa e come mangiare dunque alla sera per far conciliare il sonno? L’ideale è un pasto che si compone di un carboidrato complesso, come la pasta ed un secondo con grandi quantità di proteine come i legumi.

Molti pensano che mangiare la pasta alla sera sia pesante ma non è così. Se consumata in giuste quantità dona energia, aumenta i livelli di serotonina e viene assorbita in modo graduale. Ecco che così il sonno concilia senza problemi.

Anche il latte, comprese le su varianti vegetali, è un altro alimento alleato del sonno. Se assunto tiepido alla sera stimola il rilassamento riportandoci in uno stato di pace, quello tipico dei neonati che dopo il latte dormono tranquilli.

Da evitare alla sera, invece, è assolutamente il caffè, stimolante di per sé oltre che responsabile del posticipo dell’attivazione della melatonina. Oltre al caffè sono inibitori del sono anche tè, ginseng, cioccolato, bevande zuccherate e cibi ad alto contenuto di zuccheri semplici.

LEGGI ANCHE –> Zenzero, benefici e complicazioni: ecco quando fa male

Pasta tonnata ricetta ingredienti preparazione
(Getty Images)

Da evitare alla sera sono anche tutti quei cibi che richiedono una digestione più prolungata come formaggi stagionati, carne grigliata e cibi in scatola come tonno, olive e salse.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici anche sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter.