Joker 2, la Warner Bros è in trattative con Joaquin Phoenix

Joaquin Phoenix potrebbe rivestire nuovamente i panni del tanto “amato” Joker. Proseguono infatti le trattative per il sequel del film.

Joker, si pensa al sequel. La Warner Bros ha iniziato le trattative con il protagonista del film – Joaquin Phoenix – per rivestire i panni del celebre cattivo. Il film, è stato un successo – ha incassato oltre un miliardo di dollari in tutto il mondo – uno dei maggiori successi dello scorso anno e che ha consentito all’attore di aggiudicarsi ben due premi Oscar. Secondo quanto emerge dai media, l’attore sta valutando l’offerta proposta dalla Warner Bros che ammonterebbe a 50 milioni di dollari. I fan non possono che accogliere con entusiasmo questa notizia.

LEGGI ANCHE -> Kate Winslet, la sua testimonianza: “Mi pento di aver lavorato con loro”

Joker, uno dei ruoli più interpretati nella storia del cinema

Joker
I più famosi Joker (foto dal web)

Il personaggio di Joker è stato è stato proposto più volte al cinema, ma quello di Joaquin Phoenix è diverso dagli altri: il film propone un’introspezione del personaggio tale da far comprendere cosa l’abbia spinto a diventare così. Non amato, si ritrova da solo a vivere una storia con una giovane donna che si rivela ben presto essere solo frutto della sua immaginazione.

Joker viene deriso, picchiato ma affronta questi momenti difficili con un sorriso, a causa di una malattia che lo induce a comportarsi così nei momenti di stress. Un Joker più umano. Proprio quest’ultimo aspetto ha sollevato delle critiche all’indomani dell’uscita nelle sale cinematografiche lo scorso anno.

LEGGI ANCHE -> KEVIN SPACEY, NUOVE ACCUSE DI MOLESTIE SESSUALI. “AVEVAMO SOLO 14 ANNI”

Molti infatti ritengono che il film descriva Joker in modo tale da far immedesimare in lui chi lo guarda e a prenderne le difese. E questo secondo molti non sarebbe accettabile, Joker è cattivo e tale deve rimanere.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici anche sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter.