Eros Ramazzotti, operazione chirurgica, cosa è successo e le novità

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Essere liberi non significa solo spezzare le proprie catene. Significa vivere rispettando e valorizzando la libertà degli altri. (Nelson Mandela)❤️

Un post condiviso da Eros Ramazzotti (@ramazzotti_eros) in data:

Ramazzotti durante l’intervista ha sottolineato anche l’importanza di supportare il mondo dello spettacolo e tutti i suoi lavoratori che sono stati i primi a fermarsi con il lockdown e quelli che ancora stanno lottando per ricominciare a lavorare. “Il problema è generalizzato un po’ per tutti, dietro alla musica, al teatro, al cinema c’è gente che lavora, che ha famiglia, tutto quello che facciamo è per loro. Noi artisti in qualche modo ce la caviamo, ma chi sta dietro deve lavorare, guadagnare e mandare avanti una famiglia. È importante dare una mano a chi è più in difficoltà“.

LEGGI ANCHE -> Sabrina Salerno incandescente, slip e reggiseno in pizzo nero, Instagram tilt – FOTO

Eros a “I Lunatici” ha voluto anche parlare di come il lockdown abbia modificato il nostro senso di civiltà e l’appoggiarci agli altri: “Non tutti ne sono usciti migliori. Purtroppo l’essere umano è abituato a certi ritmi, a certi standard, difficilmente lo stacchi da certe abitudini. Quello di cui sono preoccupato è il non rispetto per la natura e per il prossimo. C’è molta cattiveria in giro, probabilmente dovuta anche a tutti questi mesi di stop” ha detto, facendo subito dopo riferimento all’omicidio di Willy.

Bisognerebbe essere uniti sempre, tutti i giorni, non solo quando si è costretti ad essere chiusi in casa. Se il lockdown ha fatto da detonatore all’aggressività che si vede in giro? Un po’ sì, guarda morte di Willy. Non posso pensare ci sia gente così in giro. Però purtroppo c’è, esiste, è sempre esistita e questa situazione l’ha amplificata“.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale , seguici anche su sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter