Voli cancellati, istruttoria Antitrust su 4 compagnie aeree

Voli cancellati e non rimborsati ed un servizio di assistenza oneroso e carente. Procedimenti nei confronti di Blue Panorama, Easyjet, Ryanair e Vueling

voli cancellati
Aereo (foto Pixabay)

Voli cancellati e biglietti mai rimborsati. Questa una delle tante sfaccettature del periodo di emergenza sanitaria con la quale gli italiani si sono dovuti confrontare in un momento già non facile. Niente servizio e nemmeno soldi restituiti, solo un voucher da utilizzare per un prossimo viaggio, in un momento in cui le limitazioni sugli spostamenti erano cadute da un pezzo.

Tantissimi i voli cancellati da diverse compagnie a causa del Covid-19 nonostante la programmazione fosse fuori dal lockdown. È per tutto questo che l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (Antitrust) ha messo in atto quattro procedimenti istruttori nei confronti di quattro compagnie aeree. Si tratta di Blue Panorama, Easyjet, Ryanair e Vueling.

Sotto accusa, come si legge sui documenti, “la vendita di biglietti per servizi di trasporto aereo in seguito cancellati dalle compagnie a causa del Covid-19, pur essendo programmati per un periodo nel quale non erano più vigenti i limiti di circolazione imposti dai provvedimenti governativi”.

LEGGI ANCHE –> Maltempo nel Varesotto, esonda il Tinella: c’è un disperso

Voli cancellati, sotto accusa motivazioni e assistenza

Aereo viaggi (Getty Images)
Aereo viaggi (Getty Images)

Nei mesi scorsi la stessa sorte era toccata ad Alitalia e Volotea. Poi le segnalazioni dei consumatori sono andata avanti e cresciute a dismisura e ora tocca anche a queste altre compagnie fare i conti con l’Antitrust.

BluePanorama, Easyjet, Ryanair e Vueling hanno usato come motivo della cancellazione del volo l’emergenza per la pandemia, e in alternativa allo spostamento del volo, hanno offerto “soltanto l’erogazione di un voucher anziché il rimborso del prezzo del biglietto già pagato, in possibile violazione dei diritti dei passeggeri previsti dal Reg. (CE) n. 261/2004”.

Tra le accuse che vengono mosse alle compagnie anche un servizio di assistenza molto oneroso per i passeggeri e per di più carente perché dettato da tempi di attesa lunghi e contatti ai passeggeri poco efficaci.

LEGGI ANCHE –> Coronavirus: mutato e resistente, l’allarme choc lanciato dagli studiosi

Compagnie aeree
foto dal web

Per poter ricevere assistenza, infatti, le compagnie hanno messo a disposizione solo numero di telefono a sovrapprezzo, difficilmente raggiungibile.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter