Ragazza morta | zio trova la giovane nipote senza vita in casa

Un uomo compie un macabro ritrovamento: sua nipote è riversa priva di vita a letto, la ragazza morta viveva da sola. L’ha rinvenuta così.

ragazza morta Pordenone
Trovato il cadavere di una ragazza morta nella sua casa in provincia di Pordenone Foto dal web

Un uomo ha trovato il corpo di una ragazza morta a Ramuscello, una frazione del piccolo comune di Sesto al Reghena, in provincia di Pordenone. La vittima era la nipote della persona che ha compiuto la scoperta e si chiamava Ludovica Taffon. Aveva 29 anni e stava portando avanti i suoi studi universitari.

LEGGI ANCHE –> Pisa, ritrovato un cadavere sull’argine del fiume Arno: è giallo

I carabinieri della vicina stazione di Cordovado hanno aperto una inchiesta ufficiale su quanto successo, provvedendo anche ad interrogare suo zio come persona informata sui fatti. Quest’ultimo ha dichiarato di avere telefonato più e più volte alla propria nipote, ma senza mai ottenere risposta. A quel punto allora si è deciso a recarsi a casa della giovane. E qui è successo il tragico rinvenimento del cadavere della ragazza morta. Il tutto ha avuto luogo nel pomeriggio di domenica 27 settembre 2020. Subito l’uomo ha fatto scattare l’allarme ed una ambulanza del personale medico del 118 si è recata sul posto. Ma a niente è servita la messa in pratica delle manovre di primo soccorso da parte dei sanitari.

LEGGI ANCHE –> Malore in sella alla sua bici, muore presidente molto conosciuto

Ragazza morta, l’ipotesi per ora più accreditata

La povera Ludovica risultava già morta da alcune ore. A questa vicenda si è interessa anche la Procura di Pordenone, la quale ha disposto il luogo a procedere per lo svolgimento di un esame autoptico. Tutto questo dovrà fornire delle risposte certe in merito a quelle che sono le cause della morte della 29enne. Sulle prime, e prendendo in considerazione gli indizi fin qui raccolti, l’ipotesi principale avanzata dagli inquirenti è che la giovane sia rimasta vittima di un malore improvviso.

LEGGI ANCHE –> Bambina di 14 mesi in coma: nelle urine tracce di marijuana

Il fatto di vivere da sola avrebbe avuto poi un peso determinante, perché Ludovica non avrebbe avuto né il tempo né le possibilità di avvertire qualcuno e di potere chiedere aiuto.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.