Terapie intensive in affanno, verso la chiusura di palestre e alcuni negozi

Covid, terapie intensive in affanno. Ricciardi: “Palestre e negozi chiusi nelle regioni con Rt superiore a 1”

Walter Ricciardi
Walter Ricciardi (foto dal web)

La situazione dei ricoveri si fa più difficile in alcune Regioni italiane in conseguenza dell’aumento dei contagi. Crescono anche i ricoveri in terapia intensiva. Nello specifico, ci son alcune Regioni che si avviano al pieno per quanto riguarda i posti letto in terapia intensiva. Si tratta innanzitutto dell’Abruzzo, che ha saturato oltre le terapie intensive di cui era stato dotato durante la pandemia. Problemi anche con il Piemonte (83%), Marche (67%), Campania (66%), Toscana (65%) e Sardegna (63%) di posti occupati. Per queste Regioni urgono interventi mirati. Il governatore della Campania Vincenzo De Luca ha già provveduto a passare ad un livello più avanzato di restrizioni chiudendo le scuole per 15 giorni e annunciando la chiusura anticipata delle attività  alle 22 nel weekend di Halloween. Non sono da escludere ulteriori provvedimenti visto che De Luca ha parlato di movida da fermare.

Leggi anche > Lombardia, in arrivo le restrizioni

Terapie intensive in affanno

Terapia intensiva (Getty Images)
Terapia intensiva (Getty Images)

Sulla vicenda delle terapie intensive in affanno è intervenuto Walter Ricciardi, referente italiano dell’Oms. “Data la situazione molto grave di circolazione del virus, abbiamo indicato chiusure mirate nelle regioni con altissima circolazione del covid-19 finalizzate a consentire lo svolgimento delle attività scolastiche e produttive. Le chiusure – prosegue Ricciardi – nelle zone dove l’indice di contagio è superiore a 1, dovranno riguardare punti di aggregazione come circoli, palestre, ed esercizi commerciali non essenziali”. Chiusure circoscritte ma non solo. Ricciardi punta anche al telelavoro come soluzione per snellire i contatti. “Lo smart working dovrebbe diventare la forma ordinaria di lavoro in tutto il Paese. Punto cruciale è la sicurezza nei mezzi di trasporto pubblico e il loro rafforzamento”. L’allarme di Ricciardi deriva principalmente dal fatto che le Asl stanno trovando difficoltà a tracciare i contagi.

Leggi anche > Chiusura scuole in Campania, De Luca spiega

Piscine e palestre
Piscine e palestre

Questo è un dato allarmante che può rendere incontrollata la situazione. Senza controllo non c’è altro da fare che agire con delle restrizioni. Questo è la sostanza del discorso di Ricciardi.

 

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.