Mortalità Covid, dai test sul sangue in Giappone arriva una buona speranza

Secondo lo studio la mortalità Covid sarebbe inferiore di quella dell’influenza ma questo non permette di abbassare la guardia

coronavirus
(Getty Images)

La mortalità Covid inferiore di gran lunga a quella dell’influenza. Questi i primi dati arrivati da uno studio effettuato in Giappone sul sangue. Il Kobe City General Medical Hospital ha studiato e analizzato mille campioni di sangue di pazienti che sono stati in ospedale tra marzo e aprile.

Dai primi dati è emerso che solo lo 0,01% delle persone è morto a causa del Covid. Esiti da approfondire ma che se venissero confermati spiegherebbero che il coronavirus non è poi così letale come abbiamo creduto fino ad ora arrivando ad una percentuale pazzesca: uno su diecimila. Un dato che posizionerebbe il coronavirus sotto la soglia di pericolosità dell’influenza. Ovviamente gli scienziati invitano alla prudenza e a non abbassare la guardia.

LEGGI ANCHE –>Covid, c’è l’ipotesi di “chiusure mirate”, alcune città rischiano

Mortalità Covid, tra speranza e prudenza

coronavirus
(Getty Images)

Come dicevamo gli scienziati restano prudenti e si riservano di fare ancora altri studi. Kobe, è una delle città giapponesi più cosmopolite, e di certo il coronavirus potrebbe aver iniziato a circolare già alla fine dello scorso anno ma c’è da puntualizzare che i campioni di sangue riguardano pazienti che si sono recati in ambulatorio e non sono stati ricoverati.

Il direttore dell’ospedale, Kihara Yasuki, ha ribadito infatti, che la possibilità che molte più persone siano state contagiate dal coronavirus rispetto a queste ipotesi resta alta. Centinaia sono stati, infatti, i pazienti che con gli acciacchi di stagione hanno mostrato sintomi “inusuali”.

LEGGI ANCHE –>Coronavirus- Conte chiede aiuto ai Ferragnez. il VIDEO

Aggiornamento bollettino Ministero della Salute 17 agosto
(Getty Images)

Di certo se lo studio sul sangue verrà confermato potrebbe cambiare decisamente le carte in tavola sia a livello sociale ma anche psicologico. Si potrebbe pensare davvero ad un alleggerimento delle misure restrittive senza pensare più alla chiusura delle scuole e di alcune attività economiche, quelle che hanno pagato a caro prezzo tutto questo.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici anche sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter.