Napoli, l’inventiva non manca mai: un maestro fa didattica dai balconi

Dalla Dad alla Dab: a Napoli un maestro fa didattica dai balconi. Da quando le scuole sono chiuse, i bambini campani sono tornati a fare lezione online

Maestro a Napoli

A Napoli le scuole sono chiuse dallo scorso lunedì. Posizione della Regione non condivisa a larga scala. Dal Governo ai dirigenti scolastici per finire alle tante mamme, sono volate non poche proteste sul provvedimento. I numeri su larga scala nazionale, infatti, dicono che i contagi nel mondo della scuola sono molto bassi. Per i contestatori di De Luca, insomma, le scuole sono più sicure di altri luoghi dove i figli possono recarsi. Intanto, mentre il Tar bocciava il ricorso di un gruppo nutrito di mamme per la riapertura, lo stesso De Luca ha oggi dichiarato la riapertura delle elementari, dopo quella della scuola dell’infanzia già avvenuta, a partire dal prossimo lunedì 26 ottobre.

Leggi anche > Covid, bollettino di oggi

Napoli, maestro inventa la Dab

Concorso scuola (foto dal web)

Nel frattempo c’è chi si ingegna. Molti maestri non sono convinti della chiusura e provvedono alla didattica a distanza, dove è possibile. A Napoli, però, l’inventiva non manca mai, nel bene e nel male. E così un maestro, Tonino Stornaiuolo, ha inventato la Dab, la didattica al balcone. “In Campania parte la Dad – ha scritto il maestro – Io e i bambini delle classi proveremo invece la Dab, didattica ai balconi. Passerò sotto i balconi, i palazzi, le strade, le case, i vicoli di ognuno di loro e continuerò quello che avevamo lasciato sospeso in classe: leggere Rodari e partire da quei testi per dare una consegna. In questi tempi difficili, dove la situazione è seria, il tempo di incertezza e paura la fa da padrone.

Leggi anche > Covid, il sindaco di Napoli tuona contro De Luca

azzolina
(Getty Images)

Lasciamo sperare e credere ai bambini che nel rispetto di ogni regola, piccoli gesti di condivisione sono ancora possibili. A distanza, mascherati, da soli, ma nulla è perduto. È un tempo difficile, facciamo di necessità virtù”, ha concluso il maestro.

 

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici anche sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter.