Attentato in una scuola in Pakistan, almeno 7 morti e molti feriti

L’attentato in Pakistan è avvenuto durante l’insegnamento del Corano. I morti sarebbero tutti studenti, tra i feriti anche alcuni insegnanti

attentato Pakistan
(foto dal web)

Una vera tragedia in Pakistan. Si tratta di un vero e proprio attentato avvenuto in una scuola coranica. Un’esplosine fortissima è avvenuta in una madrassa a Peshawar, capitale provinciale nel nordovest del Pakistan.

I numeri dei morti e dei feriti non sono ancora certi. Tgcom24 riferisce di sette bambini morti e di oltre 70 feriti secondo i primi dati diffusi dalla polizia.

“L’esplosione è avvenuta durante l’insegnamento del Corano. Qualcuno ha portato una borsa esplosiva all’interno del seminario religioso”, ha dichiarato un funzionario del posto. Dell’attentatore ancora nessuna notizia. L’uomo avrebbe lasciato l’aula prima della forte esplosione, ha riferito la polizia.

LEGGI ANCHE –> Usa, trova pistola e si spara: bambino muore durante la sua festa di compleanno

Attentato in una scuola in Pakistan, nessuna rivendicazione

attentato Pakistan
Gattyimages

Le vittime dell’attentato alla scuola coranica, per il momento sette, sarebbero tutti giovani studenti, tra i feriti, invece, ci sarebbero anche due insegnanti. Per il momento tutto tace sull’esplosione e non si è fatto avanti nessun gruppo estremista per rivendicare la responsabilità dell’attacco.

L’esplosione accende la preoccupazione nel Paese che stava vivendo dei mesi di relativa calma. In Pakistan, Peshawar è una città influente, un tempo era il cuore della violenza militante del Paese.

LEGGI ANCHE –> Neonato abbandonato in aeroporto a Doha, azione contro le donne

attentato Pakistan
GettyImages

Gli jihadisti non si facevano scrupoli attaccavano sia le forze di sicurezza e che gli spazi pubblici della città, soprattutto quelli in prossimità della frontiera nordoccidentale con l’Afghanistan.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter.