Mantenimento del cane, come ottenere la detrazione di 1000 euro

In questo anno così critico il mantenimento del cane può essere un’ulteriore spesa. Come affrontarla? Si può ottenere una detrazione, ecco come

cane
cane e padrone (pixabay)

Mai come in questo anno che sembra non voler finire, chi possiede un animale domestico si è reso conto di quanto costi il mantenimento. L’amore, la compagnia, la fedeltà del cane oltrepassa le difficoltà e i padroni tollerano maggiormente la spesa, eppure in questo periodo è possibile ottenere una detrazione di 1000 euro come aiuto. Sempre più spesso si ricorre alla pet therapy per alleviare i sintomi di alcune malattie croniche quali autismo, depressione, ansia e altri disturbi della sfera emotiva. La presenza di un cane risulta invece di vitale importanza per i soggetti che presentano specifiche patologie invalidanti come la cecità assoluta o parziale. Nella circolare n. 19/E dell’Agenzia delle Entrate figurano due diverse agevolazioni fiscali che spettano a chi acquista un cane guida. 

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE>>>Monete che valgono una fortuna. Perché conservare le vecchie lire

Come ottenere la detrazione per il mantenimento del cane?

Dove acquistare L’altra condizione per accedere ai buoni acquisto è data dalla tipologia e dalla dislocazione degli esercizi commerciali. Deve infatti trattarsi, necessariamente, dei negozi del centro storico aderenti e riconoscibili dall’esposiziione di apposita vetrofania. Per una prima visione d’insieme dei vari punti vendita aderenti, cliccando al link è possibile visionare l’elenco dettagliato e aggiornato. Tale iniziativa, a cui è stato dato il titolo di “Compra e vinci”, rientra nel programma a più amplio spettro “Viviamo il centro”. Come si accede ai buoni shopping fino a 500 euro validi per tutto il 2020: modalità di accesso Una volta superati questi passaggi iniziali, il resto del meccanismo è interamente on-line. Ciò significa che non sono richieste tessere o carte. Infatti, per partecipare, sarà sufficiente collegarsi al sito https://www.vitaincentroapiacenza.com/concorso/. Compilate l’apposito modulo d’iscrizione, con i vostri dati personali. Dopo di che, bisognerà caricare gli scontrini/ricevute fiscali accumulati, comprensivi di numero, data, importo. Per cui, tutti coloro, tra residenti, vacanzieri stanziali e persone di passaggio, avranno titolo per partecipare all’estrazione finale. Sempre che abbiano caricato 20 scontrini validi. La gamma dei buoni Come già accennato, il massimo importo erogabile è un buono acquisto di 500 euro. A seguire: due buoni acquisto di 300 euro, poi tre buoni acquisto di 200 euro. Infine quattro buoni di 100 euro cadauno. Per cui, questa iniziativa può essere interessante per chi avesse comunque necessità, nelle zona sovraindicata, di fare acquisti all’interno delle categorie indicate in elenco. Attenzione però perché sarà possibile partecipare con l’inoltro degli scontrini entro e non oltre le ore 23.59 del 15/09/2020. La comunicazione dei nominativi beneficiari avverrà poi entro il 30 settembre 2020, tramite e-mail. Il “buono acquisto”, previa presentazione dell’e-mail all’esercente, potrà essere speso all’interno di una sola attività aderente. Ma anche in più momenti, sempre entro e non oltre il 31/12/2020. Ecco dunque come si accede ai buoni shopping fino a 500 euro validi per tutto il 2020.
Jeans e soldi (foto Pixabay)

Il cane non solo è un compagno fedele per tutti, ma in particolare è un aiuto per i non vedenti che grazie all’animale possono andare in giro e lasciarsi guidare da esso. Così l’agenzia delle entrate ha deciso di dare a chi soffre di tale patologia un bonus di 1000 euro. Nel documento vengono presentate due agevolazioni fiscali, la prima detrazione IRPEF del 19% riguarda la spesa che il non vedente sostiene per acquistare il cane guida. Si può fruire di tale agevolazione una volta ogni quattro anni o prima in caso di smarrimento o decesso dell’animale. Oltre al non vedente, può godere della detrazione anche il familiare che assiste il disabile e che si fa carico dell’acquisto. La seconda detrazione ammonta invece a 1.000 euro e riguarda nello specifico i costi che si affrontano per mantenere il cane. Si possono quindi detrarre i costi relativi all’acquisto di alimenti, farmaci e visite veterinarie senza necessita di documentare le spese.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE>>>Bonus INPS a famiglie con reddito basso: da 136 a 272 euro al mese

soldi
soldi (foto dal web)

Tuttavia tale somma non spetta al familiare che ha fiscalmente a carico il soggetto non vedente.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter