Covid, gelo sul Vaccino AstraZeneca: “Serve uno studio ulteriore”

Il vaccino AstraZeneca contro il Covid necessita di analisi più approfondite: lo ha dichiarato il CEO dell’azienda, a seguito di alcuni dubbi in merito alla sua efficacia

Vaccino
Vaccino (Getty Images)

Dobbiamo convalidarlo, quindi dobbiamo fare uno studio ulteriore“: le parole dell’amministratore delegato di AstraZeneca hanno spiazzato tutti riguardo al vaccino che si prospettava essere ormai pronto. I dubbi sono emersi a seguito delle analisi sui test clinici sottoposti ai volontari: mentre su alcuni è stata rinvenuta un’efficacia del 90%, in altri casi questa si assestava attorno al 62%.
Tutto, stando a quanto dichiarato dal CEO dell’azienda, dipenderebbe dalla dose somministrata. 

LEGGI ANCHE> Il vaccino previene il Covid ma non impedisce il contagio? La risposta di Burioni

Covid, vaccino AstraZeneca: necessarie ulteriori analisi

Vaccino AstraZeneca
Vaccino AstraZeneca (Getty Images)

Le problematiche emerse circa l’effettiva efficacia del vaccino sono dovute a quello che sembra esser stato un “errore di dosaggio“. Una parte dei volontari, infatti, ha ricevuto la prima dose dimezzata e, solo in un secondo momento, ha subito l’iniezione per intero del vaccino.

Diversamente è accaduto con il secondo gruppo, al quale sono state somministrate, a distanza di alcune settimane, le dosi per intero. Le analisi condotte su questi esperimenti hanno riportato un risultato sconvolgente: mentre il primo gruppo manifestava una copertura pari al 90%, quella del secondo era pari al 62%.

Per i ricercatori, dunque, è necessario chiarire come mai la dose dimezzata del vaccino si sia dimostrata più efficace rispetto a quella per intero. Secondo Moncef Slaoui – capo del programma federale americano per i vaccini -, il tutto si spiega in funzione dell’età e del quadro clinico dei volontari: a suo parere, il primo gruppo era costituito da persone al di sotto dei 55 anni, che avevano quindi minori possibilità di contrarre il Covid.

AstraZeneca e Oxford, tuttavia, non hanno ancora svelato l’età dei volontari. Altri studiosi hanno ipotizzato che, somministrando prima la dose parziale e poi quella per intero, si stimoli una risposta immunitaria più efficace da parte dell’organismo. Attualmente, tuttavia, l’impossibilità di dare risposte certe ha imposto agli esperti di fare esami più approfonditi.

LEGGI ANCHE> Covid-19: dolori allo stomaco e corsa in ospedale, muore a 14 anni

Covid
Covid (Getty Images)

AstraZeneca, tuttavia, ha voluto ribadire che gli esperimenti sono stati condotti seguendo tutti i protocolli, e “con i più alti standard“. Pertanto, si necessitano solamente ulteriori approfondimenti per valutare l’effettiva efficacia del vaccino.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.