“Mi vogliono uccidere”, l’oltraggio a Maradona può costar caro

Una scelta infelice e irrispettosa che potrebbe costare caro al dipendente delle pompe funebri alle quali la famiglia di Diego Armando Maradona si è affidata

Maglia Maradona Napoli
La maglia numero 10 del Napoli di Maradona (Getty Images)

La morte della leggenda del calcio Diego Armando Maradona ha sconvolto il mondo intero. Milioni di persone negli ultimi giorni hanno voluto omaggiarlo e dedicargli l’ultimo saluto. La salma del calciatore si trova a Buenos Aires dove è stata seppellita nel cimitero privato di famiglia. Un episodio davvero sgradevole ha coinvolto però proprio l’agenzia di pompe funebri che si stava occupando di lui e che ha provocato lo sdegno di tutti. Alcuni impiegati hanno infatti deciso di scattarsi delle foto accanto alla salma e di pubblicarle sul web. L’avvocato Matias Morla ha dichiarato che non si fermerà finché tutti i responsabili pagheranno.

LEGGI ANCHE -> Diego Armando Maradona, le ultime parole di D10S

Le parole di uno dei dipendenti: “Ho ricevuto tante minacce”

Diego Armando Maradona
Diego Armando Maradona (Getty Images)

Uno dei responsabili è stato smascherato e licenziato dall’agenzia, si tratta di Claudio Fernandez che ha rilasciato un’intervista nel quale giustifica il suo gesto e racconta quanto gli stia costando caro. “Lo stavamo preparando prima di prenderlo e mio figlio, come ogni bambino, ha alzato il pollice e hanno scattato la foto”, afferma l’uomo. Ha successivamente dichiarato come lo scatto non fosse neanche presente sul suo telefono e che la scelta di pubblicarlo è stata presa da qualcun altro.

Fernandez racconta di aver lavorato in precedenza con la famiglia Maradona e di provare un grande rispetto per tutti loro. “Si vede dalla foto che ho solo alzato la testa perché mi hanno chiamato. È stato qualcosa di istantaneo”, si giustifica così nonostante ammetta di assumersi tutte le responsabilità.

LEGGI ANCHE -> Maradona, Barbara D’Urso chiama il figlio Diego Jr: la scoperta allucinante

diego armando maradona
Diego Armando Maradona (Getty Images)

Un episodio simile ha acceso la rabbia e l’indignazione di tutti i fan di Maradona che, già profondamente colpiti dalla sua scomparsa, hanno reagito in maniera molto aggressiva. Anche fin troppa. “Ho ricevuto tante minacce, mi hanno detto che mi uccideranno e che distruggeranno il mio furgone” racconta Claudio Fernandez, che oltre a conseguenze legali ora si ritrova a dover fare i conti anche con la paura.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter