Influencer e fotografo arrestati per servizio fotografico “sexy” alle piramidi

Fotografo e modella sono stati arrestati. I loro contenuti condivisi sui social la scorsa settimana sono stati giudicati “provocatori e offensivi”. 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Salma Elshimy (@salma.elshimy.officiall)


LEGGI ANCHE >>> Donna di 32 anni fa sesso con un ragazzo di 14 anni: arrestata

In Egitto, una modella e un fotografo sono stati arrestati poiché il loro servizio fotografico, ambientato nel luogo sacro delle piramidi, è stato giudicato “provocatorio e offensivo”. Nella celebre zona archeologica, la nota influencer egiziana, Salma al-Shimi, indossa un abito tipico da faraone. Lo shooting condiviso sui social media la settimana scorsa è stato giudicato “troppo  sexy” e le autorità locali sono subito intervenute. Secondo quanto riporta Middle East Eye, Houssam Mohammad, il fotografo e la ragazza sono responsabili di reato: le foto, oltre a essere provocanti, sono state scattate senza autorizzazione del sito archeologico di Saqqara. A seguire il video.

LO SHOOTING FOTOGRAFICO DELL’INFLUENCER: PROVOCATORIO E IRRISPETTOSO

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Salma Elshimy (@salma.elshimy.officiall)

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE >>> Il killer ammette di aver commesso un omicidio atroce

Gli ufficiali della polizia egiziana sono intervenuti per arrestare la modella Salma al-Shimi, insieme al fotografo Houssam Mohammed: lo shooting alla piramide è stato eseguito in prossimità dei gradoni di Djoser fuori dal Cairo. La condivisione delle foto da parte della stessa influencer, ha scatenato un’ondata di commenti. Tra le reazioni più note degli utenti c’è chi grida allo scandalo per gli abiti succinti della donna e chi denuncia la censura locale. Tra questi ultimi abbiamo anche la giornalista statunitense Mona Eltahawy.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Salma Elshimy (@salma.elshimy.officiall)

LEGGI ANCHE >>> Violentano una bambina di 7 anni e ricuciono le ferite

L’attivista di origini egiziane ha denunciato le ingiustizie del governo, ricordato la parata militare a torso nudo voluta dal Generale Al Sisi. I due accusati sono stati rilasciati su cauzione.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.

Fonte Mirror