Violentano una bambina di 7 anni e ricuciono le ferite

Marito e moglie violentano una bambina di 7 anni, poi tentano di ricucire le ferite sanguinanti: volevano “insegnarle come avere un bambino”.

yara gambirasio padre
Tribunale – Fonte Gettyimages

LEGGI ANCHE >>> Donna di 32 anni fa sesso con un ragazzo di 14 anni: arrestata

Un pompiere e sua moglie avrebbero violentato una bambina di sette anni. Il presunto attacco sarebbe avvenuto intorno al mese di maggio e, per nascondere i segni della violenza, la coppia avrebbe in seguito tentato di ricucire le ferite sanguinanti della vittima. I due malviventi sono Argelio Pupo, 32 anni, e Morgan Keene, 27 anni, originari di Apopka, Florida, USA. Secondo quanto riporta il tribunale, il movente della violenza sul minore è inspiegabile: la coppia avrebbe voluto “insegnare alla bambina come avere un figlio”. Attualmente, i due stanno affrontando accuse che includono abusi sessuali su minore di età inferiore ai 12 anni. Pupo ha violentato la bambina di soli 7 anni nella camera da letto, in presenza della moglie. L’aggressione è stata così violenta che la bambina iniziò a sanguinare.

IL KIT DA CUCINO ORDINATO DA KEENEE PER CELARE LE FERITE SANGUINANTI DELLA VITTIMA

Giornalista e compagno morti
Polizia inglese in azione (Gettyimages)

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE >>> Rapper accoltella un coetaneo e pubblica un video vantandosi del gesto

Il giorno seguente all’abuso, la signora Keene ha chiesto aiuto a un’amica infermiera, facendole credere che le ferite riportate dalla piccola fossero in realtà relative a un problema di lacrime vaginali. Nel momento in cui l’ostetrica le ha consigliato il consulto di un medico specializzato, la moglie del pompiere le ha riferito di aver ricucito le ferite senza lidocaina: un farmaco anestetico. Durante il processo, la vittima ha affermato che Keene aveva acquistato un kit da cucito appositamente per ricucire le lacerazioni. Tuttavia, secondo quanto riporta My News 13, la donna avrebbe scaricato la responsabilità del gesto al marito. Le indagini sono iniziate l’11 novembre, nel momento in cui la polizia ha ricevuto una segnalazione per rumori sospetti nell’abitazione della coppia. Successivamente, gli ufficiali hanno ascoltato due presunti testimoni, uno dei quali ha confermato l’abuso sessuale sulla piccola da parte della coppia. Entrambi i sospettati sono stati arrestati il ​​13 novembre nella prigione di Orange County, regione a sud della California.

Omicidio Macerata Pamela Mastropietro
Tribunale – Fonte Gettyimages

LEGGI ANCHE >>> Social media: uomo arrestato a causa di un video su Instagram

Keene ha sempre negato l’esistenza dell’abuso sessuale. Riguardo al marito, Pupo è attualmente in congedo amministrativo non retribuito.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter.

Fonte Mirror, The Sun, Spectrum News 13

 

Impostazioni privacy