Reveng Porn, la testimonianza della maestra di Torino in tribunale

È stata deposta oggi in tribunale la testimonianza della maestra di Torino. Le parole della 22enne, vittima di reveng porn.

Reveng Porn maestra di Torino tribunale
Tribunale (pixabay)

È stata deposta oggi al tribunale di Torino la testimonianza della maestra d’asilo licenziata dopo la diffusione di un video intimo da parte dell’ex fidanzato. Un tipico caso di reveng porn, seguito da una gogna mediatica e culminato con il licenziamento da parte della direttrice dell’asilo. A due anni dal tragico evento e dopo che la notizia è diventata di dominio pubblico, la ragazza può finalmente tornare in aula, mentre la direttrice dell’asilo e il fidanzato sono attualmente sotto processo.

Leggi anche -> Orrore in Svezia, segrega in casa il figlio per quasi 30 anni: arrestata madre 70enne

Maestra di Torino vittima di reveng porn: “Mi sento rinata”

Reveng Porn maestra Torino asilo
Tribunale (Getty Images)

“Convocò una riunione per costringermi alle dimissioni” ha raccontato oggi la maestra torinese di fronte al giudice del tribunale di Torino. “Mi apostrofò con frasi irripetibili e mi disse che non avrei più potuto trovare lavoro”.

Quando gli hanno chiesto se almeno le colleghe avessero dimostrato solidarietà, la ragazza ha raccontato che nessuno al tempo la difese. “Anche loro mi hanno accusato senza neanche cercare di capire cosa fosse successo” ha spiegato. “Contro di me solo tanta cattiveria. Nessuna mi ha difeso quando sono stata messa alla gogna”.

Persino il rapporto con i genitori, che pur le sono rimasti vicino e la supportano tutt’oggi, si è incrinato dopo quell’evento. La sua intera vita è cambiata e anche trovare lavoro è diventato sempre più difficile.

Leggi anche -> Donna di 32 anni fa sesso con un ragazzo di 14 anni: arrestata

Reveng porn maestra Torino testimonianza
Reveng Porn (foto da Instagram)

Oggi però la 22enne di Torino sente di essersi presa comunque una rivincita e dice di sperare in un natale più sereno. “Mi sento rinata” ammette senza più vergogna davanti alla corte.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter