Striscia la Notizia e l’inviato condannato per truffa

Striscia la notizia: si chiude la vicenda con un ex inviato che aveva truffato il programma e Mediaset. Si tratta di Mingo

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Mingo De Pasquale (@mingodepasquale)

Erano dei volti storici di Striscia la notizia che con la loro ironia e semplicità hanno accompagnato i telespettatori per molti anni. Poi d’improvviso la svolta, l’allontanamento dal programma di Antonio Ricci e le indagini. Si tratta di Fabio e Mingo, il duo pugliese che vedeva il primo presenziare e il secondo parlare e spiegare gli accaduti.

Era il 2015 quando il Gabibbo cacciò Mingo, il cui vero nome è Domenico De Pasquale, in diretta per via della truffa che aveva messo in atto ai danni di Mediaset. Si era fatto pagare alcuni servizi che erano falsi, totalmente inventati ma spacciati per veri chiedendo anche i rimborsi per figuranti e attori non dovuti. Il tutto con l’aiuto della moglie Corinna Martino, amministratore unico della Mec Produzioni Srl di cui lo stesso Mingo era socio.

Oggi arriva la condanna per Mingo e sua moglie. Un anno e due mesi di reclusione quelli decisi dal Tribunale di Bari per truffa, falso e diffamazione. Fabio fin da subito, invece, era apparso estraneo ai fatti.

LEGGI ANCHE –> GF Vip, Maria Teresa Ruta perde le staffe in diretta: reazione mai vista

Striscia la notizia, Mingo e le sue quattro truffe

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Mingo De Pasquale (@mingodepasquale)

LEGGI ANCHE –> L’Eredità, Massimo Cannoletta perde e Insinna reagisce cosi: gelo in studio

Fu un momento non bello per la trasmissione di Antonio Ricci che da sempre si occupa di smascherare truffe e raggiri scoprire che era stata truffata da uno dei suoi inviati più fidati e longevi. Sarebbero quattro le truffe per le quali i due imputati, Mingo e la moglie, sono ritenuti colpevoli. Quattro truffe relative ad altrettanti quattro servizi andati in onda per Striscia la notizia tra il 2012 e il 2013.

Per altri eventi, invece, Mingo è stato assolto dal Tribunale di Bari “perché il fatto non sussiste”. Si tratta di altri reati come la simulazione di reato, truffe e contestazione di calunnia che sono andati in prescrizione.

Per Mingo è arrivata anche un’altra condanna, quella relativa alla diffamazione, nel 2015, nei confronti degli autori di Striscia la notizia, accusandoli di essere gli “ideatori dei falsi servizi”.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Mingo De Pasquale (@mingodepasquale)

L’ex inviato e la moglie, inoltre, dovranno risarcire i danni a coloro che si sono costituiti parte civile ovvero Mediaset, Antonio Ricci e altri nove tra autori e produttori del tg satirico di canale 5. Agli atti anche la falsa testimonianza resa da quattro persone durante il processo.