Impugna una pistola e si spara: 53enne si suicida durante videochiamata con la figlia

Un uomo di 53 anni si è tolto la vita mentre era videochiamata con la figlia di sei anni a San Sebastiano da Po, in provincia di Torino.

Torino suicidio videochiamata figlia
(StockSnap – Pixabay)

Ha impugnato la pistola e si è sparato alla tempia davanti agli occhi della figlia di sei anni con la quale era in videochiamata. Così si è tolto la vita un uomo di 53 anni nella serata di domenica a San Sebastiano da Po, in provincia di Torino. A chiamare i soccorsi sarebbe stata una vicina di casa che ha sentito lo sparo. Sul posto sono intervenuti gli operatori sanitari del 118, ma per l’uomo non c’è stato nulla da fare. I carabinieri, sopraggiunti presso l’abitazione hanno rinvenuto sul tavolo un biglietto nel quale l’uomo avrebbe scritto di aver agito per vendetta nei confronti della ex moglie che nei mesi scorsi lo aveva denunciato per maltrattamenti.

Leggi anche —> Travolto da un treno sui binari: muore ragazzo di soli 25 anni

Torino, 53enne si toglie la vita durante una videochiamata con la figlia di 6 anni: indagano i carabinieri

Carabinieri
Carabinieri (Getty Images)

Leggi anche —> Ginecologo sgozzato a Milano. Le dinamiche non convincono: è giallo

Un uomo di 53 anni si è suicidato sparandosi un colpo di pistola alla tempia davanti agli occhi della figlia di soli sei anni con la quale stava parlando in videochiamata. È accaduto domenica sera a San Sebastiano da Po, in provincia di Torino. A lanciare l’allarme sarebbe stata una vicina di casa che ha sentito lo sparo ed ha chiamato i soccorsi. Presso l’abitazione sono arrivati i soccorsi del 118 che hanno potuto solo constatare il decesso del 53enne.

Intervenuti anche i carabinieri di Chivasso che hanno avviato gli accertamenti per ricostruire la dinamica dell’accaduto. Dai primi riscontri, stando a quanto riporta la redazione di Fanpage, pare che l’uomo abbia agito per vendetta nei confronti della ex moglie e madre della bambina con il quale l’uomo era in videochiamata. La donna undici mesi fa aveva denunciato il marito per maltrattamenti ed aveva lasciato la casa dove vivevano insieme ai tre figli per andare a vivere in una comunità.

A confermare tale ipotesi, riporta Fanpage, sarebbe un biglietto che l’uomo avrebbe lasciato su un tavolo nel quale il 53enne avrebbe accusato l’ex moglie di essere la responsabile della sua infelicità. I carabinieri hanno anche rinvenuto la Beretta calibro 6,35, detenuta illegalmente, usata dall’uomo per togliersi la vita.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter.

Ambulanza
Ambulanza (Getty Images)

La Procura della Repubblica di Ivrea ha aperto un fascicolo d’inchiesta e le indagini sono affidate ai militari dell’Arma che stanno cercando di far chiarezza sull’accaduto e sulla provenienza della pistola.