L’Eredità, Insinna smascherato: l’esperto lo umilia pubblicamente

L’Eredità condotto da Flavio Insinna ha fatto un grave errore stasera. Scatta la gaffa su Cavour e Mario Adinolfi la denuncia sui social

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da L’Eredità (@leredita_fans)

La Rai ci sta abituando a programmi di un certo spessore culturale e di intrattenimento che stanno facendo molta compagnia agli italiani in questo momento difficile in cui siamo costretti a restare in casa. “L’Eredità” è uno di questi e la conduzione brillante di Flavio Insinna è una colonna portante della televisione nazionale, sempre molto precisa ma divertente e gioviale allo stesso tempo.

Come in ogni luogo però anche in casa Rai a volte scappano degli scivoloni, e a “L’Eredità” sembra non essere però il primo visto che più volte in questi anni di messa in onda diversi utenti hanno già segnalato alcuni errori relativi nozioni e informazioni richieste ai concorrenti in gara. Sembra però che quello di stasera non sia rimasto indifferente ai molti, soprattutto ad Adinolfi.

LEGGI ANCHE -> Gerry Scotti, protagonista in casa Rai? L’indiscrezione infiamma il web

Adinolfi si scaglia contro la Rai, “In mano agli ignoranti”

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Mario Adinolfi (@marioadinolfi71)

LEGGI ANCHE -> Alessia Mancini, Montrucchio si è “salvato in corner” per questo Natale 2020 – FOTO

Clamorosa gaffe su Cavour stasera al programma “L’Eredità” e a segnalarlo è proprio il giornalista Mario Adinolfi con un post diventato già virale dopo la condivisione su Facebook e Instagram. In una domanda del quiz si chiedeva infatti al concorrente di rispondere su alcune frasi di Cavour dette nel 1869.

Il problema è che Camillo Benso Conte di Cavour è morto nel giugno 1861 a Torino. Un errore clamoroso che Adinolfi non ha lasciato passare e ha subito denunciato a gran voce.

Grande cultura all’Eredità su Raiuno. La sera di Natale fanno domande sulle frasi di Cavour “nel 1869”. Quando Cavour era morto da otto anni. Un altro bel colpo piazzato dal direttore Coletta. La Rai, la principale azienda culturale italiana. In mano agli ignoranti. Una perfetta fotografia del Paese”.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Mario Adinolfi (@marioadinolfi71)

Il giornalista e fondatore del Popolo della Famiglia in poche ore ha ricevuto moltissimi commenti da parte di cittadini indignati come lui sulla poca serietà di certe nozioni storiche messe in rete dagli stessi canali di informazione Rai.