Scopre i propri video intimi in rete, a pubblicarli era il marito

Uomo pubblicava all’insaputa della moglie i video della proprie prestazioni sessuali, la donna lo scopre solo dopo due anni.

Divulgazione video intimi
PC e smartphone di ultima generazione su Google (getty images)

Mi ha rovinato la vita, questa la confessione agghiacciante manifestata da Livia, una donna vittima del marito, per un reato che non può essere annoverato all’interno del revenge porn, dato che – come suggerisce lo stesso termine – la ratio del reato consiste nella vendetta. Ovvero, come la causa scatenante della diffusione di immagini che ritraggono la partner in atteggiamenti cha attengono alla sfera privata/sessuale. Nel caso di specie invece, la divulgazione è avvenuta ma non per vendetta.

La coppia infatti era sposata e non presentava alcuna crisi. Un giorno però avviene la terribile scoperta da parte di un amico il quale confessa a Livia che il marito aveva il “vizietto” di filmare le loro prestazioni sessuali non per un mero appagamento personale, quanto per divulgare i video tra amici. Pubblicando altresì sui siti per adulti, categoria amatoriale. Livia, che si è sentita calpestata come moglie e donna, ha deciso subito di denunciare il marito per quanto commesso a sua insaputa.

LEGGI ANCHE -> Tragedia nel Milanese: accoltella la compagna e fugge col figlio di 18 mesi

Video intimi finiti in rete, l’iter processuale a carico dell’uomo

Divulgazione video intimi
Aula di un Tribunale per il processo (getty images)

LEGGI ANCHE -> Tiziana Cantone: mistero sul suicidio, spunta il DNA di un uomo

Portato in giudizio il marito per il reato commesso, l’iter processuale si è protratto per anni. La Persona Offesa ha corroborato la propria posizione chiamando a testimoniare oltre dieci persone che avrebbero visto i video oggetto di contestazione. Conclusa la fase delle indagini preliminari, seguirà il processo per valutare la colpevolezza o meno dell’Imputato ma non si sa ancora come andrà. La donna comunque è soddisfatta di sé stessa per aver lottato subito, appena fatta la scoperta e con la volontà di andare a fondo della vicenda.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.

Divulgazione video intimi
Stanza piena di pc, ragazzo guarda lo schermo (getty images)

Livia adesso ha un nuovo compagno col quale sta tentando di rimettere in ordine i pezzi della sua vita, ma avverte:  Bisogna denunciare! Siamo esseri umani non oggetti sessuali!