Federcaccia attacca L’Eredità: i social si schierano a favore di Insinna

Flavio Insinna attaccato da Federcaccia per le parole utilizzate a L’Eredità. L’associazione di caccia vuole boicottare il programma. I social si schierano a favore di Insinna.  

Flavio Insinna desiderio padre
Flavio Insinna (Getty Images)

E’ un commento di Flavio Insinna al centro del mirino in questi giorni. Le parole del conduttore hanno fatto indispettire Federcaccia. Durante una puntata Insinna infatti aveva espresso il suo parere in merito alla caccia.

Un concorrente nell’ambito della ghigliottina aveva affermato “Una battuta di caccia all’aperto” e a questo punto Flavio è intervenuto commentando: “Si, ecco, io lo dico è inutile stare a girarci intorno, io sono assolutamente contro la caccia”.

L’affermazione ha scatenato la rabbia di Federcaccia. L’associazione ha espresso la volontà di boicottare la trasmissione del conduttore. Le parole di Insinna sono state considerate discriminatorie e offensive nei confronti dell’attività della caccia e dei suoi praticanti. L’associazione ha chiesto l’intervento della Rai e avvisa che procederà legalmente.

LEGGI ANCHE –> Flavio Insinna (ancora) nei guai: L’Eredità è a rischio sabotaggio

L’ira di Federcaccia: Insinna accusato di diffamazione, i social si schierano

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Flavio Insinna (@flavioinsinna_)

LEGGI ANCHE –> Flavio Insinna, il gesto e la condanna all’addio: un anno difficile

«Le nostre famiglie non seguiranno più la sua trasmissione. Commenti discriminatori e offensivi verso l’attività venatoria», le parole di Federcaccia scritte in una lettera alla  Rai.

Il presidente di Federcaccia, Massimo Buconi, è intervenuto in merito alla questione: «Il comportamento di Insinna, non nuovo a questo genere di interventi, è reso ancora più grave per essere messo in atto approfittando della propria notorietà attraverso un mezzo, quello televisivo, che gli garantisce ampio seguito e l’assenza totale di un contraddittorio sulle opinioni espresse in merito alla caccia e ai cacciatori, denigratorie di una categoria di cittadini che esercita un’attività pienamente legittima, prevista e normata dalle leggi dello Stato».

Infine il presidente conclude affermando che l’associazione invierà tutti i suoi iscritti, potenziale bacino di qualche milione di spettatori, a non seguire più la trasmissione.

La vicenda è accaduta dopo tre giorni dalle affermazioni di Insinna. Intanto i social si schierano. E per la maggior parte a favore di Flavio. Dopo l’annuncio di boicottaggio da parte di Federcaccia, L’hastag  “Io sto con Flavio Insinna” è finito in tendenza. In particolare una serie di organizzazione sostengono il conduttore.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine Facebook,Instagram e Twitter.

Tra questa ENPA, associazione di protezione degli animali, che lo ringrazia per il pensiero espresso in merito alla caccia.