Fine della pandemia, le previsioni della “signora Biontech”

Quando si arriverà alla fine della pandemia? La domanda che si fanno tutti: Katalin Karikó, presidente di Biontech ha la risposta

Fine della pandemia
Katalin Karikò (Foto da Wikipedia)

Il Covid e la pandemia hanno cambiato inevitabilmente le nostre vite e tutti speriamo di poter tornare al più presto alla vita di prima, riprendere la nostra libertà senza aver paura di incontrare gli altri e senza restrizioni nelle nostre azioni.

Quando accadrà tutto questo? Probabilmente anche prima di quanto pensiamo. Secondo Katalin Karikó, presidente della Biontech, l’azienda che sta distribuendo le prime dosi di vaccino contro il coronavirus proprio in questi giorni, potremmo ritrovare la nostra normalità già in estate.

“Questi vaccini ci tireranno fuori dalla pandemia – ha spiegato la studiosa – In estate probabilmente potremo tornare in spiaggia, alla vita normale”. Ne è certa lei che per anni ha studiato l’Rna messaggero, spiegando di essere convinta che tutti si vaccineranno negli Stati Uniti, soprattutto gli anziani.

La scienziata spiega che è normale che molti nutrano dei dubbi sul vaccino ma lei assicura che i prototipi che si usano sono sicuri perché sono studiati e lavorati da oltre 10 anni. È proprio lei che ci ha lavorato tanto e anche se all’inizio nessuno le voleva dare fiducia alla fine la sua intuizione si è dimostrata essere non solo fondata ma salvifica al tempo della pandemia.

LEGGI ANCHE –> Bollettino del 29 dicembre: salgono i guariti nel nostro Paese

Katalin Karikò, chi è la signora Biontech

Fine della pandemia
Vaccino Biontech (Gettyimages)

LEGGI ANCHE –> Codacons, aumento prezzi 2021: batosta per i consumatori

Katalin Karikò, originaria di una semplice e umile famiglia ungherese, ha studiato a lungo l’Rna messaggero e su di esso ha elaborato vaccini e terapie fin dagli anni Novanta anche se nessuno per moltissimi anni le ha dato fiducia e sostegno per sviluppare la sua idea.

Ci volle il 2005 per la signora Biontech per arrivare ad una svolta, dopo la sua assunzione come ricercatrice all’University of Pennsylvania. In coppia con Drew Weissman, scienziato del team di Anthony Fauci, che voleva arrivare ad un vaccino contro l’Aids, brevettarono le tecniche basate sull’Rna modificato in grado di fermare lo sviluppo di infiammazioni e da lì si aprì la strada verso il successo.

I diritti vennero prima acquistati da Moderna che ricevette capitale anche da Astrazeneca e anche dalla Biontech che si focalizzò sui brevetti dell’Rna modificato per trovare un vaccino contro il cancro. Karikò nel 2013 arrivò proprio alla Biontech e ne divenne poi presidente.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.

E' arrivato in Italia il primo furgone con le fiale del vaccino Pfizer-Biontech
Vaccino (Getty Images)

Oggi grazie ai suoi studi è stato possibile arrivare alla creazione del vaccino anti-Covid e uno dei fondatori di Moderna ha proposto che proprio alla signora Biontech venga assegnato il premio Nobel insieme a Weissman.