Truffa PlayStation 5: un giro d’ affari di 800mila euro. L’inaspettato epilogo

L’oggetto dei desideri del 2020: la PlayStation 5. Introvabile nei negozi fisici, è stata oggetto di una mega truffa da 800mila euro

Truffa PlayStation 5 console
PlayStation 5 – GettyImages

E’ l’oggetto più desiderato del 2020. La console della Sony, PlayStation 5, messa sul mercato europeo dal 19 Novembre scorso, è praticamente introvabile. Compete commercialmente con le console di ultimissima generazione della serie Xbox di Microsoft. Include un’unità ottica Blu-ray Ultra HD,  un nuovo controller DualSense e un’interfaccia utente completamente rinnovata. Sicuramente per tutti gli appassionati di videogames rappresenta un traguardo; considerato anche il periodo di clausura forzata che stiamo vivendo, è un ritrovato tecnologico che sarà in gradi di farci passare delle piacevoli ore di svago.

Proprio per questi motivi è stata ampiamente prenotata, non è facile trovarla nè su internet, nè negli store fisici. C’è chi si è approfittato della bramosia dei gamer meno pazienti.

LEGGI ANCHE —> WhatsApp, ritorna la truffa del codice a 6 cifre: come non cadere nella trappola

PlayStation 5: truffa ai danni di 13.000 persone

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da PlayStation®5 (@playstation5s)

LEGGI ANCHE —> WhatsApp, truffa buoni sconto: attenti a questi messaggi

Una truffa bella e buona è partita infatti da Brindisi, in Puglia, dove un sito dal nome “Euromediashop” non solo garantiva la possibilità di poter ancora pre-ordinare la PlayStation 5, inoltre permetteva di avere uno sconto vantaggioso. Addirittura si palesava l’opportunità straordinaria di ricevere la console prima del giorno di Natale

Quanti sono caduti i questo tranello? Molti, moltissimi. Circa 13.000 persone per una truffa che ammonta a quasi 800.000 euro. Le segnalazioni sono fioccate in tutta Italia quando gli acquirenti non si sono visti recapitare la console direttamente nelle proprie abitazioni.

Sono scattate immediatamente le indagini della Guardia di Finanza. Il raggiro era stato ben progettato, con tanto di volantini distribuiti anche nella città di Milano. Il titolare di Euromediashop, Christian Ciciriello, si è costituito con la promessa di restituire fino all’ultimo centesimo: “Mi sono trovato in una storia più grande di me” – ha dichiarato – “Spero che tutti possano riavere i loro soldi. So che questo non è un periodo facile”.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da PlayStation®5 (@playstation5s)

Per eventuali risarcimenti sarà possibile contattare CODICI (Centro per i Diritti del Cittadino) che ha promosso una class action aperta a tutti i clienti truffati.