Scandalo Vaccini: gli operatori sanitari tengono per sé le dosi avanzate

Alcuni operatori sanitari avrebbero tenuto per sé e per i propri familiari le dosi di vaccino avanzate in questi giorni.

scandalo Vaccini Covid dosi avanzate
Vaccino anti-Covid (Getty Images)

Sopraggiunge come un fulmine a ciel sereno la notizia sulle dosi di vaccino avanzate e poi “donate” senza permesso dagli operatori sanitari. Tale inappropriato utilizzo del vaccino anti-Covid sarebbe avvenuto nel modenese, in provinicia di Baggiovara. Come da routine dopo la quotidiana somministrazione alcune delle dosi Pfizer-BioNTech, giunte in anticipo con il fine di salvaguardare il personale medico della penisola, restano inutilizzante e pronte per il turno nella giornata successiva. Stavolta però le dosi avanzate sono state inviate a terzi tramite una corsia preferenziale.

Leggi anche —>>> In arrivo il vaccino anti-Covid in Italia, ma quanto costerà?

Scandalo Vaccini: le dinamiche ed i dettagli

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da memes changed my life (@wwwambiend66050)

Potrebbe interessarti anche —>>> Muore dopo pochi giorni dal parto a causa del Covid: la triste vicenda

Il personale medico, addetto alla somministrazione ed alla gestione delle dosi giornaliere, avrebbe illegalmente usufruito dei vaccini restanti a fine giornata, trasferendoli dai laboratori alle proprie abitazioni. Le dosi sono state somministrate ed offerte ai loro familiari nella serata di martedì 5 gennaio.

Però al vertice di tale decisione, che sembrerebbe essere irresponsabile, pare che ci sia una risposta coerente da parte degli addetti alle vaccinazioni. Le dosi che sono state indirizzate a figli e parenti sarebbero andate sprecate, poiché in realtà in seguito al turno giornaliero non potrebbero essere riutilizzate in seguito.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine Facebook,Instagram e Twitter

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Pfizer Inc. (@pfizerinc)

In tal modo gli operatori, in mancanza di altro personale a cui somministrare le dosi avanzate, avrebbero preferito non gettare un bene così prezioso e donarlo ad ogni modo a persone che comunque dovrebbero, seppur in futuro, sottoporsi alla vaccinazione. Nonostante ciò per L’Ausl di Modena resta un “un errore grave”, adesso si cercano tutti i nomi dei responsabili.