Covid-19, l’OMS: nessuna immunità di gregge per il 2021

Nonostante la corsa ai vaccini abbia preso il via in numerosi paesi, l’immunità collettiva è ancora lontana.

L’immunità collettiva contro il Covid-19 non sarà raggiunta quest’anno, sebbene la distribuzione dei vaccini si stia diffondendo progressivamente vai vari paesi del mondo. Ad annunciare la notizia è stata l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) stessa. Nonostante l’avvio della campagna vaccinale, durante il briefing a Ginevra, la dottoressa Soumya Swaminathan, responsabile scientifica dell’OMS, ha invitato ancora una volta alla perseveranza sulle misure di sicurezza e sui dispositivi di protezione. “È ancora presto per tornare alla normalità” – ha riferito alto funzionario e presidente Dale Fisher. Di conseguenza, in attesa del vaccino, la costanza “funziona”: mantenere il distanziamento sociale, lavarsi le mani e indossare la mascherina può sicuramente aiutare a contenere la trasmissione della pandemia virale.

LEGGI ANCHE >>> Caso Reading Park: arrestato il terrorista che ha ucciso tre uomini

L’avvertimento: i Paesi monitorino le varianti

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE >>> Mette all’asta le carte dei Pokémon: studente americano si paga gli studi

Nonostante gli straordinari progressi registrati in ambito scientifico, l’OMS ha sottolineato che siamo ancora lontani dall’immunità di gregge. Come dichiara nel video, la dottoressa Soumya Swaminathan ha infatti ricordato che “al momento non c’è alcuna prova certa sull’efficacia del vaccino.” Pertanto, servirà ancora molto tempo affinché lo sviluppo della campagna vaccinale sia effettivamente sicuro e vantaggioso a livello internazionale. “Per ora la pandemia non è grave” – dichiara la donna. Tuttavia, ci vuole tempo anche per la produzione delle dosi; “e qui stiamo parlando non di milioni, bensì di miliardi» – ha continuato la responsabile scientifica dell’OMS, invitando tutti al rispetto delle norme e, soprattutto, alla calma e alla pazienza.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.

Infine, la dottoressa consiglia fortemente il costante monitoraggio delle varianti in circolazione e esorta alla condivisione dei dati a livello internazionale, insieme all’integrazione “degli sforzi di sorveglianza, monitoraggio e test in corso.”

Fonte Cnews