Rapina in casa, sorprende il ladro e finisce in tragedia

Tragedia a Natale. Rosina Cassetti, donna di 78 anni, è stata ritrovata priva di vita in un’abitazione dopo un furto in casa.

Carabinieri
Carabinieri (mino21 – Adobe Stock)

Ennesima tragedia, questa nel giorno di Natale. Una donna di 78 anni, molto probabilmente forse colta da un malore dopo aver sorpreso il ladro.

E’ la vigilia di Natale e ci troviamo in provincia di Macerata, a Montecassiano. L’intruso, vestito di nero, ha fatto irruzione nell’abitazione con il volto coperto da un cappellino, ha legato e schiaffeggiato la figlia della coppia dopo aver rinchiuso il padre in bagno. Si stanno svolgendo le indagini per ricostruire la vicenda.

Leggi anche —> Scontro tra due scooter: morto un uomo, feriti due ragazzi

La ricostruzione delle indagini sulla rapina

Coniugi uccisi a colpi di fucile
Carabinieri (GettyImages)

Leggi anche —> Dramma durante la scorsa notte: due giovani immigrati travolti ed uccisi da un treno

Da quanto riportato da Il Resto del Carlino, non sono state rilevate forzature nella serratura del cancello quindi è ancora da chiarire la modalità dell’intrusione. Sembrerebbe che l’uomo abbia avuto l’incontro con la figlia sulle scale, luogo nel quale l’avrebbe aggredita, utilizzando un calzino a tapparle la bocca. Risulta sia stato legato anche il marito della defunta vittima.

 

Durante la rapina si trovavano in casa solo i due coniugi con la figlia, ma sarebbe stato il nipote convivente, rientrando a casa, a sorprendere i familiari legati, che una volta liberati si sono diretti in cucina, dove hanno trovato l’anziana donna priva di vita.

 

I familiari hanno testimoniato che il bottino del furto si quantifica nella cifra di mille euro, sembrerebbe che i vicini non abbiano rilevato rumori sospetti dall’abitazione durante il misfatto.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter

 

Ancona
Carabinieri (pixabay)

I carabinieri, dopo aver messo l’abitazione sotto sequestro, passano al vaglio le dichiarazioni resa dai testimoni coinvolti e verificano se nelle vicinanze dell’atto criminoso vi sia la presenza di telecamere che possano fornire ulteriori dettagli.