“Il mio cane tende a stare a pancia in giù”: i 3 veri motivi

Il vostro cane tende a stare a pancia in giù soltanto in alcuni momenti, vi siete mai chiesti il perché di questo comportamento? 

Cane pancia giù veri motivi
Cane (Getty Images)

La pratica di mettersi a pancia in giù è un atteggiamento molto comune nei cani, sebbene vi siano delle alcune differenze di significato a seconda se tale posizione venga assunta da un esemplare adulto oppure da un semplice cucciolo. Il gesto di sdraiarsi con la pancia rivolta verso l’alto e seguita poi dalle proprie zampette è per i suoi padroni molto spesso istintivamente sinonimo di una richiesta d’affetto. Infatti, è molto comune che di fronte ad un simile comportamento il tutore in questione si lasci contagiare dall’emozione rispondendo all’animale con una serie di coccole. Ma scopriamo adesso le vere motivazioni.

Leggi anche —>>> Lavare il proprio gatto senza traumi: la guida veloce per riuscirci!

Il cane tende a stare a pancia in giù: ecco perché

Cane pancia giù tre motivi
Cane (Getty Images)

Potrebbe interessarti anche —>>> Il canto delle balene: perché è il richiamo più potente in assoluto

I reali motivi che spingono i cani ad assumere questo atteggiamento sono principalmente tre. Fra questi vi sono segnali contraddittori come quella della sottomissione, in primis,  ma anche della fiducia e del rispetto. Quando il vostro cane tende a non nascondersi da voi, e dunque a mostrare il suo lato più “vulnerabile”, vorrà dire che sta riponendo in voi il massimo della fiducia e del rispetto, ma non necessariamente che voglia essere “sommerso di coccole”.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.

Cane pancia giù tre motivi
Cane (Getty Images)

Per concludere a volte una simile posizione potrebbe rappresentare il suo esatto contrario. Ovvero, può darsi che il vostro cane si senta in una situazione di disagio o di timore. Perciò preferirà tentare un avvicinamento ma mantenendo la sua coda verso il basso e tra le zampe. In questo frangente lasciate lui il giusto tempo per riprendersi e tranquillizzarsi prima di fargli delle carezze.