Attacco in Congo, i ribelli Ruanda negano coinvolgimento nell’agguato

I ribelli Ruanda negano un coinvolgimento nell’agguato all’ambasciatore italiano Luca Attanasio, Vittorio Iacovacci e del loro autista.

ribelli hutu ruandesi
(Getty Images)

 

Hanno negato qualsiasi coinvolgimento nell’agguato all’ambasciatore italiano Luca Attanasio, il carabiniere Vittorio Iacovacci e del loro autista Mustapha Milambo. Non sarebbero quindi stati i ribelli hutu ruandesi delle Forze democratiche per la liberazione del Ruanda Fdlr-Foca ha colpire il convoglio delle Nazioni Unite. Nella nota diramata proprio dai ribelli Ruanda si legge che “dichiarano di non essere coinvolti in alcun modo nell’attacco e chiedono alle autorità congolesi e alla Monusco di fare tutto il possibile per far luce sulle responsabilità di questo ignobile assassinio”.

LEGGI ANCHE — Congo, il VIDEO dell’agguato all’ambasciatore Attanasio

Le Forze armate congolesi, alla ricerca della verità. Chi ha compiuto il triplice assassinio?

Luca Attanasio ultime ore porima attacco Congo
Luca Attanasio, l’ambasciatore italiano in Congo (Foto da Twitter)

LEGGI ANCHE — Luca Attanasio, le ultime ore prima dell’attacco in Congo

Sono alla ricerca della verità le Forze armate, che vogliono far chiarezza sulla morte dell’ambasciatore italiano Luca Attanasio, il carabiniere Vittorio Iacovacci e del loro autista Mustapha Milambo. Si sono quindi “messe alle calcagna del nemico. A 500 metri, i rapitori hanno tirato da distanza ravvicinata sulla guardia del corpo, deceduta sul posto, e sull’ambasciatore, ferendolo all’addome”.

Dalle ultime notizie trapelate dagli inquirenti della RDC che stanno indagando sul caso, gli aggressori sarebbero stati 6. Tutto è successo alle 10.15 presso Kibumba. Gli uomini armati hanno fatto esplodere dei colpi verso la macchina in cui viaggiava l’ambasciatore Attanasio. Gli spari non hanno lasciato scampo all’autista. Nel frattempo Attanasio e il carabiniere Iacovacci, probabilmente feriti,  sono stati portati nella foresta dove poi sarebbero stati uccisi. Gli aggressori inoltre erano in possesso di cinque Kalashnikov e di un machete.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter

Caso Luca Attanasio
(Getty Images)

Infine le Forze Democratiche per la liberazione del Ruanda, in una nota hanno fatto le condoglianze alle famiglie dei defunti, al governo e agli italiani, e assicurano tutta la loro  vicinanza.

PER RIMANERE INFORMATO SU TUTTE LE NOTIZIE DEL GIORNO GUARDA IL TG DI YESLIFE.