Dramma per Natalia Angelini, l’ex tronista vittima di atti persecutori

Una triste vicenda che si è protratta per anni e che ha segnato per sempre Natalia Angelini, ex tronista di Uomini e Donne. 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Natalia Angelini (@angelini_natalia)

Affamata di vita, magicamente suggestiva così si presenta Natalia Angelini, l’ex tronista di Uomini e Donne, sul proprio profilo Instagram. La giovane è stata vittima di atti persecutori, un evento che le ha stravolto la vita. Non è piacevole subire simili condotte, soprattutto se l’ossessione si protrae per anni e induce a compiere gesti estremi, come il creare profili fake per contattarla. Ma non erano solo i messaggi il problema, il fan si spingeva in una serie di eventi quali il commentare negativamente tutte le foto della 35enne o ancora avances di natura sessuale. 

Il responsabile era un commercialista 54enne di Catania il quale, nonostante la distanza visto che Natalia vive a Monopoli, si è recato due volte nella residenza della donna. Una volta l’ha persino afferrata sotto casa con la scusa di omaggiarla con dei doni. Un’azione che non si è trasformata in tragedia grazie all’intervento di un passante che ha liberato la giovane dalle braccia dello stalker.

LEGGI ANCHE -> Katia Ricciarelli: “Sono terrorizzata, non vedo via d’uscita”

Natalia Angelini, l’iter processuale pendente

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Natalia Angelini (@angelini_natalia)

LEGGI ANCHE -> Diana Del Bufalo, messaggio dolce ai fan: “Accettatevi come siete”

La donna ha subito provveduto alla denuncia presso le Forze dell’Ordine ed i militari intervenuti sul posto lo hanno arrestato in flagranza di reato. A nulla è valso il tentativo dello stalker di camuffarsi con sciarpa e cappello. L’uomo dopo essere scappato, si è recato nella piazza principale per tentare un ulteriore contatto con la sua vittima.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Natalia Angelini (@angelini_natalia)

Competente territorialmente il Tribunale di Bari, Il GIP ha predisposto come misura cautelare il divieto di comunicare con la vittima e di avvicinarsi e di recarsi in territorio pugliese.