Gatti, l’addestramento è possibile: ecco i metodi più veloci ed efficaci

Sfatato il mito sull’impossibilità di addomesticare i propri gatti: ecco tutti i metodi d’addestramento più veloci ed efficaci.

gatti addestramento possibile metodi
Un gatto (Getty Images)

Sfatato il celebre mito sull’impossibilità di impartire un addestramento ai vostri gatti, poiché da sempre considerati come animali particolarmente “libertini” e per lo più volti all’individualismo, sarà emozionante scoprire come invece siano dei buoni ascoltatori e come questa attività possa giovare di molto anche sul rapporto che avete con loro. A prescindere che le vostre esigenze siano mirate a fornire al vostro gatto un’educazione basilare o che voi vogliate puntare più in alto, qui troverete tutte le risposte ed i consigli di cui avete bisogno.

Innanzitutto è indispensabile fare riferimento al condizionamento, ovvero alla tecnica  mirata secondo la quale il gatto imparerà a riconoscere i vostri comandi per poi gradualmente metterli in pratica. Pur non avendo mai svolto ufficialmente dei compiti direzionati dall’uomo i gatti godono di un grande intuito e per questo, nonostante si conoscano molte meno teorie sul loro addestramento rispetto a quello dei cani, potrebbero stare al passo con altrettanta facilità.

Leggi anche —>>> I gatti riescono a vedere i colori? Come funzionano i loro occhi?

L’addestramento per gatti è possibile: i metodi e le strategie vincenti

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da @musetti_animaletti

Potrebbe interessarti anche —>>> Il canto delle balene: perché è il richiamo più potente in assoluto

Iniziamo: prendete non più di 15 minuti del vostro tempo libero a disposizione e dedicatelo interamente a loro. Non stressate il gatto, altrimenti perderà la concentrazione: una sessione di un quarto d’ora per metà dei giorni della settimana e scaglionata fra questi sarà sufficiente. Assicuratevi inizialmente di avere un premio gustoso per lui ogni volta.

Per insegnare al gatto a sedersi prendete in mano il clicket ( dispositivo per attirare la sua attenzione) e il premio nell’altra, ponendo quest’ultimo poi sopra la sua testa. Istintivamente arretrerà o si siederà. Se farà la seconda mossa non esitate a suonare il clicker donando lui il premio.  Ripetete la sequenza come precedentemente raccomandato, assicurandovi di accostare all’azione un perentorio “siediti”.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da @musetti_animaletti

Per farlo sdraiare a comando invece iniziate ugualmente con i due strumenti sulla bilancia delle vostre mani e pronunciate il comando “siediti/ giù”. Il premio dovrà rasentare terra proprio sotto la sua testa. In quel momento il felino inizierà ad assecondare il vostro movimento accomodandosi sul pavimento. Suonate il clicket e poi date lui il premio.