Sharon Stone e le molestie a Hollywood: “Mi chiesero di farlo sul set”

Sharon Stone si mette a nudo nella sua autobiografia e fa alcune scottanti rivelazioni: “Molestie? Mi chiesero di fare sesso sul set. E in Basic Instinct…”

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Sharon Stone (@sharonstone)

“Il bello di vivere due volte”: è questo l’enigmatico titolo dell’autobiografia di Sharon Stone. L’attrice americana a 63 anni ripercorre i momenti salienti della sua vita e della sua fortunata carriera, ma svela anche dei retroscena particolarmente disturbanti. Alcuni estratti del testo sono stati pubblicati in anteprima dal magazine Vanity Fair negli Stati Uniti, e raccontano le molestie subite da Sharon a Hollywood.

Nello specifico, sono emerse le pressioni che le fecero per girare la famosissima scena di “Basic Instinct” in cui l’attrice accavalla le gambe senza indossare la lingerie, ma anche quelle più pesanti di un produttore che per un altro film le chiese di avere veri rapporti sessuali davanti alle telecamere, per rendere le scene più credibili.

LEGGI ANCHE -> Arisa e lo scomodo retroscena sulla fine della storia con Di Carlo

Sharon Stone rivela le molestie: “Mi chiesero di farlo sul set”

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Sharon Stone (@sharonstone)

LEGGI ANCHE -> Alberto Matano riabbraccia il suo più grande amore e commuove il web

Fui ingannata sulla scena dell’interrogatorio in Basic Instinct” scrive senza mezzi termini Sharon Stone. Come aveva già affermato in passato, il regista Paul Verhoeven le avrebbe garantito che non avrebbe ripreso le sue parti intime, ma così non è stato. L’attrice scoprì la verità durante un’anteprima del film. La sua reazione? Schiaffeggiò il regista e abbandonò la sala. Così, anche se quella scena la rese una delle donne più desiderate del pianeta, in realtà non fu che un oltraggioso inganno a sue spese.

Ma Sharon descrive anche altri tipi di molestie. Come quelle subite sul set di un altro lungometraggio (non specifica quale), quando un produttore le chiese di avere dei veri rapporti sessuali sul set. Secondo lui avrebbero migliorato la “chimica” con il suo co-protagonista. Inevitabile lo shock dell’attrice, che però rispose: “Dovevano prendere un attore di talento, in grado di ricordarsi le battute. Oppure potevano fare sesso tra loro e lasciarmi fuori da tutto questo. Il mio lavoro è quello di attrice e faccio solo quello“.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.

Sharon Stone molestie Hollywood
Sharon Stone (Getty Images)

Adesso i giornali americani stanno tentando di scoprire chi fosse il produttore che fece la proposta fuori luogo all’attrice. Sono già emerse alcune ipotesi: ad esempio, per il quotidiano New York Post potrebbe essere stato Robert Evans. Ma sarà difficile averne una conferma: il produttore del thriller erotico “Sliver“, con Sharon Stone e William Baldwin protagonisti, è scomparso nel 2019.