Razzismo ad Amici 20: il concorrente rompe il silenzio e rivela tutto

Razzismo ad Amici 20: il concorrente rompe il silenzio e rivela tutto. Esa, appena uscito dalla scuola, ha deciso di affrontare un argomento che gli sta molto a cuore

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da ESA ABRATE (@esa.abrate)

Amici di Maria De Filippi è ufficialmente sbarcato al serale, e durante la prima puntata del programma abbiamo assistito alle prime eliminazioni: ad uscire sono stati Gaia ed Esa, entrambi cantanti della scuola che in questi mesi hanno fatto sognare i loro fans con le loro bellissime voci. Una volta tornato a casa, Esa ha voluto parlare di qualcosa che gli sta davvero molto a cuore.

TI POTREBBE ANCHE INTERESSARE –> Chi è Awed, Simone Paciello, il concorrente de l’Isola dei Famosi

Amici 20, parla Esa dopo l’eliminazione: “Devo parlarvi di una cosa importante”

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da ESA ABRATE (@esa.abrate)

Oggi devo parlarvi di una cosa importante” ha esordito così sul suo profilo di Instagram. “Io ricevo molti commenti, non riesco a leggervi tutti e non mi ero accorto di questo commento un po’ forte“. Si riferisce ad hater che gli ha scritto “Torna a vendere i fazzoletti al semaforo“. Un pregiudizio orribile a cui lui ha deciso di replicare. “Mi meraviglia che nel 2021 ci siano ancora questi pregiudizi, chissà quando cambierà questa situazione. Non mi fa arrabbiare perché se una persona arriva solo fino a lì, per me è una persona ignorante, ignorante come suo limite e mi dispiace per questa persona“.

TI POTREBBE ANCHE INTERESSARE –> Amici 20, chi è Sangiovanni: vita, carriera e il suo vero nome

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da ESA ABRATE (@esa.abrate)

Questo commento lo ha portato a fare una riflessione: “Questo mi fa capire quanto responsabilità abbiamo noi artisti o aspiranti artisti, perché bisogna parlare di questo, bisogna mettere a nudo queste problematiche che continuano a persistere“.