Denise Pipitone, riflettori puntati: dopo 17 anni è di nuovo boom mediatico

Il caso di Denise Pipitone continua a catturare l’attenzione. Dopo 17 anni dalla scomparsa della piccola il riflettori sono di nuovi puntati sul giallo.

Denise Pipitone
Denise Pipitone (foto dal web)

Riflettori puntati sul caso di Denise Pipitone. Nell’ultimo periodo il giallo della bambina di tre anni scomparsa diciassette anni fa a Mazara del Vallo ha catturato di nuovo l’attenzione mediatica. Il tutto è partito dalla Russia. Un’emittente televisiva del paese aveva lanciato l’appello di Olesya, una ragazza intenta a cercare la madre. Da lì i sospetti che potesse essere Denise. Sospetti andati poi in fumo a seguito del confronto del test del DNA tra la giovane e Piera di Maggio, madre della Pipitone.

Da questo accadimento innumerevoli le segnalazioni di possibili Denise, in particolare dal web. Di recente poi la Procura ha riaperto il caso mettendo in moto la macchina investigativa. In particolare sono state eseguiti accertamenti nella casa di Anna Corona, ex moglie del padre naturale di Denise.

I media hanno seguito le fila del caso passo, passo. In prima linea “Chi l’ha visto…?” che ha dedicato approfondimenti e innumerevoli speciali alla tragedia. Anche “Quarto Grado” ha fornito molto spazio al giallo nell’ultima puntata.

TI PROTREBBE INTERESSARE ANCHE > Piera Maggio, madre di Denise Pipitone rivela un segreto: “Li conosciamo…”

Denise Pipitone: analogie con casi passati

TI PROTREBBE INTERESSARE ANCHE > Denise Pipitone: “Al 99% è lei, so che fine ha fatto”

Osservando il caso della Pipitone spuntano analogie con dinamiche di gialli passati presi d’assalto dai media. In particolare la vicenda di Cogne è stata tra le più seguite diventando l’argomento portante in molti salotti televisivi. Infiniti i servizi dedicati e i commenti da parte dell’opinioni pubblica. Stesso epilogo stanno riscuotendo i fatti di Denise. Dovunque si tratta del tema.

Dai telegiornali, ai criminologi, agli avocati, agli opinionisti ognuno esprime il suo punto di vista. Seppur tutta questa attenzione può incorrere in una strumentalizzazione della vicenda, l’obiettivo comune di tutti è quello di risolvere il giallo.

 

La speranza collettiva è che Piera di Maggio e la sua famiglia possano finalmente, dopo diciassette lunghi anni, ritrovare Denise.

Impostazioni privacy