Orrore in un appartamento: ragazzo uccide il padre a coltellate al culmine di una lite

Un ragazzo di 18 anni avrebbe ucciso il padre 53enne al culmine di una lite scoppiata in un appartamento nel quartiere San Lorenzo di Roma.

Polizia Scientifica
(ChiccoDodiFC – Adobe Stock)

Avrebbe assassinato il padre a coltellate al culmine di una lite, poi si sarebbe ferito nel tentativo di togliersi la vita. Questo quanto avrebbe messo in atto un ragazzo di 18 anni nel pomeriggio di ieri in un’abitazione di Roma. A lanciare l’allarme un passante che, sentendo le urla provenire dall’appartamento, ha chiamato le forze dell’ordine. Sul posto sono arrivati i soccorsi del 118 e la polizia. Purtroppo per la vittima, un uomo di 53 anni, non c’è stato nulla da fare. Il giovane, ritrovato con delle ferite d’arma da taglio, è stato trasportato in ospedale, dove ora si trova ricoverato non in pericolo di vita.

Roma, omicidio in un appartamento: 18enne uccide il padre a coltellate

Tragedia nel pomeriggio di ieri, lunedì 31 maggio, in un’abitazione, sita in un condominio nel quartiere San Lorenzo di Roma. Un uomo, Marco Svezia, 53enne portiere dello stabile, sarebbe stato assassinato dal figlio 18enne al culmine di una lite.

Ambulanza
Ambulanza (Dmitry Vereshchagin- AdobeStock)

Secondo le prime ricostruzioni, riportate dalla redazione di Roma Today, durante la discussione il giovane avrebbe impugnato un coltello e colpito il genitore con almeno quattro fendenti, poi si sarebbe autoinflitto delle ferite, probabilmente nel tentativo di togliersi la vita. A far scattare l’allarme, un passante che sentendo le urla della vittima ha chiamato il numero per le emergenze.

Leggi anche —> Uccide la compagna in strada e continua a ripetere frase agghiacciante: arrestato

Presso l’abitazione si sono precipitati gli operatori sanitari del 118 e gli agenti della Polizia di Stato. Entrati in casa hanno ritrovato il corpo senza vita del 53enne riverso in una pozza di sangue: inutili i tentativi di rianimazione. Il 18enne era in bagno, ferito e con ancora il coltello tra le mani. Lo staff medico lo ha trasportato presso il Policlinico Umberto I, dove ora si trova ricoverato in prognosi riservata, ma non sarebbe in pericolo di vita. Sul posto per i rilievi sono arrivati gli uomini della Scientifica.

Leggi anche —> Omicidio nella notte: ragazzo di 26 anni ucciso in strada a colpi d’arma da fuoco

La Polizia ha fatto scattare immediatamente le indagini per ricostruire nel dettaglio quanto accaduto all’interno dell’appartamento. Da quanto emerso sino ad ora, scrive Roma Today, pare che le liti tra i due fossero frequenti ed in passato erano intervenute le forze dell’ordine per sedare gli animi. Alla base di queste discussioni pare vi fosse la dipendenza da sostanze stupefacenti del ragazzo che avrebbe chiesto di continuo soldi al padre.

Polizia
Polizia (EKH-Pictures – AdobeStock)

L’accusa nei confronti del giovane, in stato di arresto e piantonato in ospedale dalle forze dell’ordine, è di omicidio volontario.