Amadeus, la sua malattia dopo un trauma infantile. Giovanna Civitillo: “Diventiamo matti”

Il celebre conduttore fin da giovanissimo soffre di una grave malattia invalidante che anche la sua famiglia fatica ad accettare.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Giovanna Civitillo & Amadeus 💑 (@giovanna_e_amadeus)

Lo vediamo sempre molto composto e attento nella conduzione dei suoi maggiori programmi televisivi di punta, eppure anche Amadeus nasconde nel suo profondo un segreto che custodisce fin dalla tenera età.

Si tratta di una malattia invalidante cresciuta e acuita nel tempo a seguito di un trauma che gli successe ad appena 7 anni.

La sua famiglia spesso fatica ad accettare questa patologia, la stessa Giovanna Civitillo tempo fa aveva ironizzato su quanto succede a casa: “Lo prendiamo in giro sennò diventiamo matti”. Ma di cosa soffre Amadeus? Vediamolo insieme.

LEGGI ANCHE —–> Federica Sciarelli preoccupata per il figlio: “Non posso dormire sonni tranquilli…”

Amadeus ipocondriaco per colpa di un trauma

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE —–> Laura Ziliani, il mistero si infittisce. Nuovi indagati per la sua scomparsa

In una recente intervista al settimanale Oggi, Amadeus ha deciso di svuotare il sacco e confessare la patologia che lo attanaglia da anni.

Tutto parte da lontano“, spiega il conduttore senza alcuna vergogna. “A sette anni venni ricoverato per due mesi in ospedale per una nefrite: fu un momento molto difficile che probabilmente non ho mai superato. Certi traumi ti restano addosso. E oggi le malattie mi terrorizzano”.

Ammette inoltre: “Chiamo Giovanna e i miei figli anche quattro volte al giorno per sapere se stanno bene“. E riguardo l’alimentazione? “Seguo un’alimentazione controllata. Fra mangiare e bere come non ci fosse un domani ed esser costretto ad assumere farmaci per tutta la vita per il colesterolo, preferisco un’alimentazione sana e facendo a meno delle medicine”.

Giovanna però spiega che quando il compagno non c’è, lei ed il figlio possono concedersi maggiori libertà: “Per fortuna ogni tanto io e mio figlio, quando il padre non c’è, ci concediamo delle ‘serate schifezze‘. Patatine, salse, chi più ne ha più ne metta”.