Si accascia al suolo su un sentiero: uomo muore durante un’escursione

Un uomo di 67 anni è morto nel pomeriggio di ieri dopo essere stato colto da un malore durante un’escursione in Val Brembana, in provincia di Bergamo.

Elisoccorso
Elisoccorso (Getty Images)

Colto da un malore durante un’escursione. È morto così un uomo di 67 anni nel primo pomeriggio di ieri in Val Brembana, valle in provincia di Bergamo. Quando sul posto è arrivata l’equipe medica del 118 a bordo di un elisoccorso, per il 67enne non c’è stato più nulla da fare. Lo staff sanitario ha potuto solo constatarne il decesso. La salma è stata recuperata ed ora si trova a disposizione dell’autorità giudiziaria che potrebbe stabilire eventuali esami per chiarire la causa della morte.

Bergamo, dramma in Val Brembana: 67enne muore colto da un malore durante un’escursione

Un uomo è morto nel primo pomeriggio di ieri, martedì 6 luglio, dopo essere stato colpito da un malore mentre si trovava su un sentiero della Val Brembana, in provincia di Bergamo.

Bosco
(Valiphotos – Pixabay)

A perdere la vita un 67enne residente a Sesto San Giovanni (Milano). Secondo le informazioni apprese dalla redazione de L’Eco di Bergamo, l’uomo stava camminando lungo il sentiero che dai Laghi Gemelli porta al Passo di Mezzeno e poi scende a Roncobello, quando improvvisamente ha iniziato a sentirsi male e si è accasciato a terra. Un tecnico e un operatore sanitario del Cnsas (Corpo nazionale del soccorso alpino e speleologico della Lombardia) che si trovavano a passare per caso dal sentiero hanno lanciato l’allarme.

Leggi anche —> Tragedia in piscina: muore annegata bambina di 5 anni

Sul posto è arrivata in pochi minuti l’eliambulanza con a bordo lo staff medico dell’Areu 118, ma per l’uomo era ormai troppo tardi. I soccorsi hanno potuto solo constatare il decesso dell’escursionista, che sarebbe sopraggiunto per cause naturali.

Leggi anche —> Escavatore si ribalta in un bosco: operaio di 41 anni perde la vita

Elisoccorso
(Getty Images)

La salma, riporta L’Eco di Bergamo, è stata dunque recuperata e portata prima in una piazzola a Branzi e successivamente presso la camera mortuaria. Ora la salma si trova a disposizione dell’autorità giudiziaria che potrebbe disporre nelle prossime ore eventuali accertamenti o firmare il nullaosta per la restituzione ai familiari.