Raffaella Carrà, i dettagli del medico sulla malattia che l’ha uccisa con 10 anni d’anticipo

Il mondo intero piange Raffaella Carrà morta a 78 anni a Roma perché era affetta da una malattia inguaribile. Il suo medico ha raccontato alcuni dettagli proprio sulla morte della regina della tv italiana e spagnola

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Raffaella Carrà (@raffaellacarrafans_official)

A 78 anni un male inguaribile si è portato via Raffaella Carrà, regina indiscussa della musica e soprattutto della tv italiana e non solo. La “Raffa” era amata anche al di là del Mar Mediterraneo, in terra iberica, dove gli spagnoli in questi giorni, al pari degli italiani, stanno piangendo la sua morte. Una persona autentica con sani valori e ideali. Era a favore della movimento LGBT+ e infatti aveva dedicato anche una canzone, “Luca”, che parlava di un ragazzo gay. Brano del 1978 quando le tematiche sugli omosessuali erano ancora un tabù. Era stata precursora dei tempi anche quando mostrò nel 1970 a “Canzonissima“, programma che fece in coppia con Corrado, il suo ombelico, di sicuro il più bello del mondo.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE -> “Le guerriere non mollano mai”, Carolina Marconi è bellissima mentre fa la chemioterapia – FOTO

Raffaella Carrà, parla il suo medico della malattia che l’ha colpita mortalmente

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE -> “In una parola: affascinante”, Sabrina Salerno le FOTO a cavallo: curve pericolose

Oggi il suo medico ha parlato del male che ha strappato via Raffaella Carrà al mondo intero, familiari, amici e i suoi innumerevoli fan in giro per il pianeta. La cantante e conduttrice televisiva aveva un tumore ai polmoni, così come ha rivelato Dagospia. A prendersi cura della sua malattia è stato Paolo Marchetti, uno dei più lodati medici romani. “La mamma di Raffaella Carrà è morta a 63 anni proprio per tumore al polmone”, con queste parole Giovanni Mangiaracina dell’Università La Sapienza di Roma ha parlato alla trasmissione radiofonica “Genetica oggi”.

E non si è trattato solo di genetica, come ha ribadito il professore: “se una persona fuma il destino è quasi inevitabile. Purtroppo il fumo ci ha portato via Raffaella con 10 anni d’anticipo. Se c’è una base genetica è ovvio che tutti i modelli di stili di vita influiscono su quella base”.