13enne ucciso, smembrato e nascosto all’interno di una borsa

Il corpo risultava acefalo e privo di arti superiori: la testa è stata rinvenuta all’interno di un secchio in bagno. 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da aldo bastié (@arlesmagnifique)

Macabra scoperta nella notte tra domenica 18 e lunedì 19 luglio a Tarascon, comune del dipartimento francese delle Bocche del Rodano. Protagonista dell’agghiacciante rinvenimento è una squadra di polizia della gendarmeria locale. Allertati dal vicino di casa, gli agenti hanno perquisito nell’abitazione sospetta. Durante la perquisizione, il drammatico ritrovamento: il cadavere smembrato di un minore riposto all’interno di una borsa. Secondo quanto riportano i media locali, la salma appartiene a un ragazzo di appena 13 anni: nei quotidiani francesi si legge che il corpo risultava acefalo e privo di arti superiori. A seguire maggiori dettagli.

LEGGI ANCHE >>> Scontro fatale tra autobus e camion: 30 morti, 40 feriti – VIDEO

Ucciso e smembrato: la testa ritrovata in un secchio

Polizia francese
Polizia francese (Getty Images)

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE >>> Sparatoria in pieno giorno: ucciso un poliziotto, feriti altri quatto agenti

La notizia è stata confermata anche da Europe 1, la cui fonte riporta che la vittima è un adolescente di 13 anni, precedentemente dichiarato scomparso. La denuncia della sparizione è stata inviata due giorni fa, sabato 17 luglio, da un’abitazione di Marsiglia. L’avviso alla gendarmeria di Bocche del Rodano è partito invece la scorsa domenica sera (18 luglio), intorno alle ore 23:00, quando un testimone ha riferito alla polizia di aver visto un corpo umano in una borsa all’interno di una casa privata a Tarascon.

La sera del macabro rinvenimento, l’inquilino, il cui volto era noto alla gendarmeria per episodi di violenza e il suo passato in una clinica psichiatrica, non era in casa. Stando a quanto si legge nei media locali, il giovane è stato ucciso e smembrato. La salma risulta difatti acefala e priva di arti superiori, probabilmente recisi con una sega; mentre la testa, secondo quanto precisa la fonte ufficiale della gendarmeria, è stata ritrovata all’interno di un secchio in bagno.

La fuga dell’omicida, 32 anni, è durata poche ore: il criminale è stato catturato e ucciso dagli agenti di polizia. Secondo quanto specifica Cnews, il latitante è stato localizzato intorno alle ore 3:00 del mattino, per le strade di Arles, nella regione della Provenza-Alpi-Costa Azzurra (Francia meridionale). Le autorità locali hanno annunciato l’avvio all’inchiesta per accertare circostanze e dinamiche del decesso della vittima e dell’autore del reato.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Breizh5631 (@breizh5631)

La seconda indagine è stata affidata all’IGPN, ovvero l’Inspection Générale de la Police Nationale (Polizia Nazionale di Parigi).

Fonte Europe 1, Cnews