Napoli, suoni, colori, profumi e arte. Cosa devi assolutamente vedere? Te lo diciamo noi

“Vedi Napoli e poi muori”, Goethe (poeta e scrittore) ha omaggiato con questa frase quella che per secoli è stata la capitale dell’Italia meridionale. 

Napoli - peperoncino - tradizioni
Napoli – peperoncino – tradizioni ( Foto di Mirko Bozzato da Pixabay)

Piena di tradizione, di sapori, di profumi, di colori, di arte e di storia, Napoli è una delle città più belle d’Italia. Ogni anno (covid-19 permettendo) è invasa da milioni di visitatori provenienti da ogni parte del mondo, tutto affascina di Napoli ed una volta visitata nulla sarà più come prima.

In tantissimi, nel corso dei secoli, hanno scritto e cantano su Napoli, la città è stata la capitale dell’Italia meridionale per diversi secoli, nel tempo ha conservato quel fascino che la rende davvero unica.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —> Roma, voglia di una gita? Devi assolutamente visitare questi posti “segreti” nella città eterna

Se sei a Napoli devi visitare assolutamente questi posti

Napoli - Castel Nuovo
Napoli – Castel Nuovo (Foto di Mrdidg da Pixabay)

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —> Ryanair annuncia nuove rotte sul cielo italiano ed europeo. Scopri le novità

Spaccanapoli, è anche definita come la Babele di Napoli, è una strada lineare che spacca in due la città. E’ lunga un chilometro e mezzo, parte da piazza San Domenico Maggiore e termina a piazza Gesù Nuovo. Lungo questa strada è possibile visitare monumenti di ogni genere artistico e storico, sarà un’esperienza davvero unica e suggestiva.

Plebiscito e Palazzo Reale, piazza Plebiscito si trova al centro di Napoli, è il cuore della città. E’ una delle piazze più grandi d’Tralia con i suoi 25mila metri di superficie. Al centro della piazza troviamo Palazzo Reale, che risale al tardo Rinascimento e fu progettato dall’architetto Domenico Fontana.

Teatro San Carlo, è uno dei teatri più antichi d’Europa. La sua costruzione risale al 1737 dal re delle Due Sicilie, Carlo di Borbone. Ancora oggi è un teatro che regala forti emozioni durante le rassegne.

Napoli sotterranea, una costruzione che risale a circa 5mila anni fa. E’ una Napoli parallela a quella in superficie, stradine, cunicoli, nicchie, condotti che venivano utilizzati per riempire la Piscina Mirabilis (all’epoca cisterna di acqua potabile). Durante le Guerre Mondiali, Napoli sotterranea venne utilizzata e vissuta per scappare dai bombardamenti.

Maschio Angioino, conosciuto come Castel Nuovo. Questo castello è uno dei simboli che meglio rappresentano Napoli, affaccia su piazza Municipio, oggi ospita il museo civico. Fu costruito nel 1231 ed ospitò grandi nomi del passato come Giotto, Boccaccio, Petrarca, Papa Bonifacio VIII e Celestino V.

Castel Dell’Ovo, è il castello più antico di Napoli. Affaccia di fronte via Partenope, tra i quartieri di Chiaia e San Ferdinando. Fu costruito nel I secolo a.C. e sorge sull’isolotto di tufo di Megaride.

Duomo e Tesoro di San Gennaro, conosciuto anche come la cattedrale metropolitana di Santa Maria Assunta. In questo luogo tre volte l’anno si assiste al miracolo di San Gennaro al rito dello scioglimento del sangue.

Metropolitana, sembra di entrare in tanti universi paralleli, è una delle metropolitane più belle al mondo. Gli effetti ottici in 3D renderanno una semplice corsa in qualcosa di unico.

Museo archeologico di Napoli, è uno dei musei più antichi di tutta l’Europa, è stato definito il museo più importante al mondo intenerente alla storia di epoca romana.

Castel Sant’Elmo e Certosa di San Martino, il castello medievale sorge sulla collina del Vomero, una delle zone più ricche di Napoli. Oggi viene utilizzato per mostre ed eventi di ogni genere, come manifestazioni e convegni. Sempre sulla stessa collina sorge la Certosa di San Martino, che ospita il famosissimo museo di San Martino.

Napoli - vicoli
Napoli – vicoli

Napoli è una città che vale la pena visitare almeno una volta nella vita. Tutto attrae di questa città, a cominciare dalla persone, dalle tradizioni, dal cibo, dalla musica, dalle belle giornate, dal mare e soprattutto dall’arte.