Massimo Boldi, su “Striscia la Notizia” non le manda a dire

76 anni e una carriera alle spalle, Massimo Boldi si racconta in un intervista “Al giorno”. Non sono mancate le dichiarazioni polemiche su “Striscia la Notizia”

Massimo Boldi su "Striscia la Notizia"
Massimo Boldi ( foto da Instagram)

Massimo Boldi, conosciuto ai più col soprannome di “Cipollino” per via di uno dei suoi personaggi comici più celebri Max Cipollino, torna a parlare di televisione. Lo aveva già fatto in occasione dei suoi 76 anni in una lunga e agrodolce intervista. Quella volta era stato, diciamo così, più frenato: le recenti dichiarazioni per “il Giorno” invece non hanno mancato di suscitare scandalo e rabbia, nonostante l’attore, pluripremiato ai Telegatti, abbia cercato di celare il tutto dietro il velo dello scherzo.

Ti potrebbe interessare anche ->  Massimo Boldi: la grande sorpresa, i fan impazziscono. L’annuncio 

Massimo Boldi, le dichiarazioni su “Striscia la notizia”

Massimo Boldi
Il Gabibo e Virginia ( foto da Instagram)

Aveva definito già la televisione come  d’oggi “Tutta giochi, reality e improvvisazione”. Un’altra storia rispetto a quella della sua generazione che aveva potuto godere di opportunità che ad oggi non esistono. E’ tornato a ribadire il concetto, il nostro attore; Il bersaglio però stavolta è stato il tg satirico più amato e seguito “Striscia la Notizia”.

“La trovo noiosa, non c’è più lo spirito goliardico. Un po’ la televisione tutta è cambiata e di conseguenza anche questo programma è cambiato.” e aggiunge “ Lo trovo noioso, un po’ stupido, sciocco. Non è per la conduzione, sono proprio i filmati che fanno vedere ad essere visti e rivisti”

E poi, sgancia la bomba: l’idea del telegiornale satirico sarebbe venuta a lui dieci anni prima di Antonio Ricci. Il riferimento è al telegiornale di cipollino, un tg divertente che approdò ad Antenna 3 e a canale 5, in collaborazione con Zuzzurro e Gasparre. Il racconto prosegue:

” Il telegiornale di Cipollino è stato un successo. […] Berlusconi mi affidò ad Antonio Ricci. Gli propongo l’idea del telegiornale e lui mi risponde: ‘Belìn, ancora il telegiornale, sono 10 anni che lo fai! È una rottura di scatole’. Due anni dopo, mentre sono a Grand Hotel, un pomeriggio vengono Zuzzurro e Gaspare e mi sussurrano: ‘Ma lo sai che D’Angelo e Greggio stanno facendo le prove per un tg comico?’ Allora mi incavolo e chiamo Silvio e gli racconto tutto. ‘Ma sì, risponde lui, ‘lo fanno per tre mesi, lasciamoli divertire’. E invece è trent’ anni che vanno avanti!”

Ti potrebbe interessare anche -> “Striscia la notizia”, arriva una coppia inedita di conduttori: i nomi

Le reazioni ovviamente non si sono fatte attendere; ed è d’altra parte un po’ tardi per ribadire la paternità di un’idea.