“Striscia la Notizia” attacca la Rai, inaccettabile la nuova proposta dell’ad Fuortes: “Canone incongruo”

La trasmissione satirica di Canale 5 ieri sera è tornata con un nuovo servizio che demolisce l’ultima proposta Rai sul pagamento del canone annuale.

Pinuccio Striscia attacco Rai canone incongruo
Pinuccio anticipa l’argomento della puntata (screen Instagram @striscialanotizia)

Si sa che tra rete privata e pubblica non c’è mai stato buon sangue, e ogni qual volta ci si può fare lo sgambetto tutto è lecito. Ieri sera è arrivato il nuovo sollecito da parte di “Striscia la Notizia” verso proprio una nuova proposta che sta facendo infuriare i telespettatori nelle ultime ore.

L’inviato di “Striscia” Pinuccio è tornato con la rubrica “Rai Scoglio 24” per occuparsi di una nuova possibile iniziativa della tv pubblicata promossa qualche giorno fa dall’ad Rai Carlo Fuortes. Vediamo di che si tratta.

LEGGI ANCHE –> Gigi D’Alessio addio struggente alla compagna di una vita, lacrime e commozione: “Mi hai fatto sempre sentire a casa”

“Striscia” non ci sta: all’appello mancano 15 milioni di euro

Pinuccio Striscia attacco Rai canone incongruo
Pinuccio (screen Mediaset Play)

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE –> Francesco Facchinetti non ha pace, dopo l’aggressione un grave lutto in famiglia. Commozione estrema

Fuortes ha infatti dichiarato che il “canone è incongruo” e in Italia si paga troppo poco rispetto la proposta offerta agli utenti. Per lui la giusta soluzione sarebbe chiedere il canone anche a chi guarda i programmi Rai su smartphone e tablet.

Pinuccio allora spiega che forse la soluzione primaria sarebbe recuperare i 15 milioni di euro presenti già da tempo nelle casse delle compagnie elettriche. Un’opzione che forse la Rai ed il suo ad non hanno ancora preso in considerazione.

La spiegazione è molto semplice come viene rivelata in puntata: moltissimi italiani pagano il canone Rai direttamente in bolletta, ma molto di questi soldi “restano bloccati” nelle casse delle società elettriche che ottengono anche gli interessi sull’operazione.

Si tratta di un dato agghiacciante che era già stato sollevato lo scorso 22 giugno dall’ex direttore canone e beni artistici della tv pubblica Nicola Sinisi durante un’audizione in Vigilanza.

Pinuccio Striscia attacco Rai canone incongruo
Sinisi interpellato durante la Commissione Vigilanza (screen Mediaset Play)

Se la Rai non guarda alle aziende elettriche commette un errore micidiale. Parliamo di cifre importanti in cui i ritardi di riversamento sono sistemici”. Risponderà ora la tv di Stato a tale provocazione venendo incontro ai suoi contribuenti?