Covid-19, il bollettino del 29 ottobre: 5.335 nuovi casi e 33 vittime

Il Ministero della Salute, nella giornata di oggi venerdì 29 ottobre, ha comunicato i numeri dell’epidemia da Covid-19 in Italia tramite bollettino.

Bollettino coronavirus mappa regione
(Ministero della Salute)

Il Ministero della Salute, come di consueto, ha pubblicato sul proprio sito il bollettino relativo all’epidemia da coronavirus diffusasi in Italia. Stando ai dati di oggi, i casi di contagio complessivi sono saliti a 4.762.563 con un incremento di 5.335 unità rispetto a ieri. Sale anche il numero relativo ai soggetti attualmente positivi che ammonta a 78.644 (+1.866), così come quello dei pazienti in terapia intensiva: 349 in totale e 2 in più rispetto a ieri. Le persone guarite dall’inizio dell’emergenza sono 4.551.882, ossia 3.433 in più rispetto a ieri. Nelle ultime 24 ore si sono registrati 33 morti che hanno portato il bilancio totale delle vittime a 132.037.

La Regione Emilia Romagna, si legge nelle note, ha eliminato dal totale dei positivi 1 caso, positivo a test antigenico ma non confermato da test molecolare. Anche il Friuli Venezia Giulia ha sottratto 2 casi, positivi a test antigenico ma non confermati da test molecolare. La Provincia Autonoma di Bolzano segnala che 75 dei 193 nuovi positivi derivano da test antigenici confermati da test molecolare. Infine, la Regione Sicilia specifica che 54 dei tamponi molecolari e 3 dei casi confermati comunicati in data odierna sono sono relativi a giorni precedenti. Inoltre, comunica che i decessi comunicati oggi si riferiscono ai giorni scorsi.

Covid-19, bollettino: i numeri in Italia nella giornata di giovedì 28 ottobre

Stando al bollettino diramato nella giornata di ieri, le persone risultate positive al virus dall’inizio dell’emergenza erano 4.757.231.

Coronavirus
(Getty Images)

In salita anche i soggetti attualmente positivi che ammontavano a 76.778, così come i pazienti ricoverati in terapia intensiva: 347 in totale. I guariti complessivi erano 4.548.449. Purtroppo continuava ad aggravarsi il bilancio delle vittime in Italia che portavano il totale a 132.004.

PER APPROFONDIRE LEGGI QUI —> Coronavirus, il bollettino del 28 ottobre: 4.866 nuovi casi di contagio e 50 morti

Coronavirus, bollettino: i numeri del Covid-19 in Italia nella giornata di mercoledì 27 ottobre

Secondo l’aggiornamento del Ministero della Salute di mercoledì, i casi di contagio complessivi erano saliti a 4.752.368. Saliva anche il numero dei soggetti attualmente positivi che ammontavano a 75.365. Stabili, invece, rispetto a ieri, i pazienti in terapia intensiva: 341 in totale. Le persone guarite dall’inizio dell’emergenza erano 4.545.049. Il bilancio delle vittime totale saliva a 131.954.

PER APPROFONDIRE LEGGI QUI —> Covid-19, il bollettino del 27 ottobre: 4.598 nuovi casi e 50 decessi

Covid-19, monitoraggio Iss: schizza a 0,96 l’Rt, sale anche l’incidenza dei casi

Non sarebbe rincuorante il monitoraggio settimanale sull’epidemia diffuso come di consueto anche oggi, venerdì 29 ottobre dall’Iss in uno al Ministero della Salute.

Stando a quanto si legge nella bozza, infatti, l’indice Rt sarebbe salito allo 0.96 rispetto allo 0.86 della scorsa settimana. Così come non poche preoccupazioni le starebbero destando l’incidenza dei casi ed i ricoveri. È emerso, infatti, che i casi sarebbero passati da 34 a 46 ogni 100mila abitanti. Quanto al tasso di occupazione nei reparti ordinari, si sarebbe registrato un aumento dello 0.3%: dal 4.2 della scorsa settimana al 4.5% di oggi. Stabili fortunatamente gli ingressi in terapia intensiva che continuano ad attestarsi al 3.7%

PER APPROFONDIRE LEGGI QUI —> Covid-19, monitoraggio Iss: schizza a 0,96 l’Rt, sale anche l’incidenza dei casi

Terza dose, cosa impensierisce Luca Zaia: le parole del Governatore

Il presidente della Regione Veneto Luca Zaia, in occasione della mostra artistica ribattezzata “Andrà tutto bene” si è espresso in ordine alle terze dosi di vaccino. Il Governatore Leghista ha espresso le proprie perplessità ed i propri timori. “Siamo preoccupati per le terze dosi dei vaccini” riporta AdnKronosperché vorremmo fare di più”. Da vaccinare, ha proseguito Zaia, ci sarebbero 30mila ospiti di Rsa a cui si aggiunge tutto il personale sanitario. Inoltre, cosa di non poco conto, ha proseguito che ancora si è in attesa sul pronunciamento degli organi competenti circa la somministrazione ai soggetti under 60.

Il governatore ha poi chiosato affermando che la Regione ha attivato sin dall’inizio un’importante campagna di sensibilizzazione. Una strategia che andrebbe attuata anche a livello nazionale. È importante che le persone sappiano di cosa si parla perché i social sono stati autori di divulgazioni delle volte scorrette tanto da sconfinare nelle fake news.

Vaccini, lo studio sulle morti: i risultati

Secondo un recente studio, riporta Virgilio Notizie, si è scoperto che tra i soggetti vaccinati contro il Covid-19 si sono registrate mortalità per cause diverse dal virus molto minori rispetto a chi ha scelto di non sottoporsi alla somministrazione. Un risultato che avvalora la sicurezza dei vaccini a dispetto di quanto una parte di popolazione crede.

La ricerca è nata con un obbiettivo: quello di dimostrare come i sieri che circolano in America, poiché autorizzati, siano ampiamente affidabili e non rischiosi.