Caso Cleo Smith: ritrovata viva la bambina di 4 anni scomparsa – VIDEO

La bimba, 4 anni, era sparita da 18 giorni. La piccola è stata ritrovata in un’abitazione in un’area recondita dell’Australia.

 

Felice notizia dall’Australia: Cleo Smith sana e salva. La bimba, 4 anni, era scomparsa lo scorso sabato 16 ottobre. Stando a quanto riportano le fonti locali, la piccola è stata rapita mentre si trovava in campeggio in un’area vicina alla città costiera di Carnavon, a circa 900 chilometri a nord di Perth, nella parte nord-occidentale del Paese oceanico. Dalla scomparsa di Cleo dall’area camping, i suoi genitori non hanno mai perso la speranza: più volte la madre Ellie Smith si è rivolta ai social networks per invitare l’utenza alla collaborazione mediatica. Le complesse operazioni di ricerca si sono concluse nel migliore dei modi questo mercoledì 3 novembre. Cleo è finalmente a casa: arrestato un 36enne.

NON PERDERTI ANCHE >>> Caso Cleo Smith: scomparsa una bimba di 4 anni

Cleo Smith di nuovo a casa: arrestato un uomo di 36 anni

 

tamente in campo uomini e mezzi per scandagliare una vasta area mentre le autorità hanno offerto una ricompensa da un milione di dollari australiani per chiunque avesse informazioni sulla bambina.
Caso Cleo Smith Carnavon, 3 novembre 2021 (Getty Images)

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE >>> Mega blitz contro banda criminale armata: 25 morti

La notizia trova conferma nei media internazionali, le cui fonti precisano che la polizia australiana ha ritrovato la piccola nelle prime ore di questo mercoledì 3 novembre. Stando a quanto si apprende dai notiziari locali, le forze dell’ordine hanno fatto irruzione in una casa a Carnavon seguendo indizi forensi. Arrestato un uomo di 36 anni: attualmente in stato di fermo e interrogato dagli investigatori. “Cercavano un ago nel pagliaio e l’abbiamo trovato.” – così gli agenti australiani hanno descritto l’impresa miracolosa. Il rinvenimento è avvenuto poco dopo la mezzanotte, quando un ufficiale ha preso in braccio la bambina chiedendole il suo nome; poi, l’immensa commozione: “Mi chiamo Cleo.” 

Essenziali ai fini dell’inchiesta sono state alcune segnalazione da parte dei vicini di casa del malvivente. Secondo le loro testimonianze, l’accusato, un uomo solitamente “molto solitario“, ha iniziato a destare sospetti nel vicinato perché ripreso più volte a comprare pannolini nonostante non abbia figli. Ancora mistero sul movente e sulle circostanze del rapimento: l’importante è che Cleo è sia ora tornata a casa. La piccola è stata trasferita all’ospedale per dei controlli prima di abbracciare nuovamente i suoi genitori. L’ultima foto mostra la bimba in ospedale: Cleo è felice e saluta la telecamera mentre gusta sorridente un ghiacciolo. A seguire il video del momento in cui Cleo Smith è stata salvata dalla polizia.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da The Advertiser (@thetiser)

Lo scorso mese le autorità locali avevano promesso una ricompensa pari a un milione di dollari australiani per chiunque avesse rilevato informazioni nodali ai fini dell’indagine.

Fonte BBC