Si lancia dal balcone dopo una lite con il compagno: donna muore sul colpo

Una donna di 49 anni si è tolta la vita, nel pomeriggio di ieri a Salerno, gettandosi dal balcone della sua abitazione al culmine di una lite con il compagno.

Polizia
Polizia (Claudio Caridi – Adobe Stock)

Sconvolta l’intera comunità di Salerno, dove ieri una donna di 49 anni si è suicidata gettandosi dal balcone della propria abitazione. Un gesto estremo che la 49enne, secondo quanto ricostruito, avrebbe compiuto al culmine dell’ennesima lite con il compagno con il quale conviveva. Lanciato l’allarme, sul posto sono arrivati i soccorsi, che hanno constatato il decesso della donna, e gli agenti della Polizia.

Salerno, si lancia dal balcone dopo una lite con il compagno: donna muore sul colpo

Monastier Treviso Eugenio Zanon muore dopo le nozze
Ambulanza (Claudio Caridi- AdobeStock)

L’ennesima lite con il compagno, poi il lancio nel vuoto. Così si è tolta la vita nel pomeriggio di ieri, domenica 28 novembre, a Salerno, una donna di 49 anni.

La 49enne, stando a quanto ricostruito dagli inquirenti, riporta Il Mattino, avrebbe ingaggiato una discussione con il compagno, al culmine della quale si sarebbe recata in balcone gettandosi nel vuoto. A nulla è valso il tempestivo intervento dell’equipe medica del 118 che, giunta sul posto, in via Tasso, ha dichiarato la morte della donna, avvenuta sul colpo.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Si accascia dopo un’immersione al lago: sub muore colpito da un malore

Insieme ai soccorsi sono arrivati gli agenti della Squadra Volanti ed i colleghi della Squadra Mobile del capoluogo di provincia campano che hanno avviato gli accertamenti. Le indagini hanno escluso, riferisce Il Mattino, eventuali responsabilità del convivente accertando che si sia trattato di un gesto volontario. Per questa ragione, l’autorità giudiziaria non ha disposto ulteriori accertamenti sulla salma.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Dramma in Questura: poliziotto si toglie la vita nel suo ufficio

Polizia
(ChiccoDodiFC – Adobe Stock)

La donna, scrive Il Mattino, si trovava in regime di libertà vigilata da sei anni. Nel 2013, la 49enne aveva ucciso il marito a Torre del Greco e tentato di uccidere il figlio di 12 anni, che era riuscito, però a fuggire. Subito dopo aveva provato a far esplodere l’appartamento aprendo il gas ed aveva tentato di togliersi la vita gettandosi dal balcone.