Omicidio Salvatore Lombardi, si costituisce un 17enne: si indaga sul movente

Ieri pomeriggio a San Severo (Foggia) un ragazzo di 29 anni, Salvatore Lombardi, è stato ucciso a colpi di pistola davanti ad un bar: il presunto colpevole avrebbe confessato.

Sabato 9 aprile, un efferato omicidio si è consumato per le vie di San Severo (Foggia). Un ragazzo di soli 29 anni, Salvatore Lombardi, dinnanzi ad un bar tra via Tommaso Forte e via Fortore, è stato freddato con cinque colpi di pistola alla testa ed al volto.

San Severo omicidio Salvatore Lombardi 17enne confessa
(ChiccoDodiFC – Adobe Stock)

Il suo corpo è stato rinvenuto in un lago di sangue ed immediatamente è scattata la caccia al killer. Poche ore dopo i fatti, però, sarebbe stato proprio il presunto colpevole a consegnarsi alla giustizia.

San Severo, omicidio Salvatore Lombardi: si costituisce un 17enne

San Severo omicidio Salvatore Lombardi 17enne confessa
(Equatore – Adobe Stock)

Sarebbe stato un ragazzino di soli 17 anni ad uccidere Salvatore Lombardi nel pomeriggio di ieri in un parco pubblico di San Severo, nel foggiano.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Spaventoso frontale tra due auto sulla statale: tragico bilancio

Stando a quanto riportano i colleghi della redazione di Foggia Today, i fatti si sarebbero svolti tra via Tommaso Forte e via Fortore, nei pressi del Bar H. Una prima ricostruzione avrebbe appurato che il 17enne avrebbe dato appuntamento alla vittima ed una volta incontratolo avrebbe esploso contro di lui 7 colpi di pistola di cui 5 avrebbero colpito alla testa ed al volto Lombardi non lasciandogli scampo.

Il ragazzino, consegnatosi alle forze dell’Ordine, avrebbe confessato il delitto ammettendo le proprie responsabilità. La Squadra Mobile di Foggia ed il Commissariato di Pubblica sicurezza di San Severo, avrebbero rinvenuto degli elementi che confermerebbero la versione del 17enne. In particolare, gravi indizi di colpevolezza sarebbero emersi a seguito dell’esame dei filmati estratti dalle telecamere del Bar H.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Uomo trovato morto in un pozzo, indagano gli inquirenti: salma sequestrata

Il minore, senza alcun precedente penale, è stato sottoposto ad interrogatorio da parte del Pm del Tribunale dei minori. In seguito alla sua audizione è stato aperto a suo carico un procedimento per omicidio volontario e disposto il fermo.

Secondo quanto riporta Foggia Today, pare che il 17enne fosse parente di un uomo morto a seguito del tentato duplice omicidio registratosi in via Mario Carli il 1° gennaio dello scorso anno. Ma che si trattasse di una vendetta il minorenne non lo ha confermato. Resta, quindi, ancora ignoto il motivo del brutale omicidio. Attualmente il giovane si troverebbe presso l’Istituto penale per minorenni di Bari.