Brooklyn, bambina di 10 mesi muore per overdose di droghe. Indagato il padre

Una bambina di soli 10 mesi è morta a causa di un’overdose di droghe, eroina e fentanyl. Sotto accusa il padre, indagato per omicidio colposo

Il tragico evento è accaduto a Brooklyn. La piccola, di soli 10 mesi, era la nipotina del celebre scrittore Paul Auster. Secondo quanto riportato dal New York Times, Ruby Auster, è stata trovata priva di sensi, il 1 novembre, nella casa di Bergen Street a Park Slope, Brooklyn, dove viveva con il padre, Daniel Auster. Subito dopo è stata trasportata d’urgenza in ospedale dove, poche ore dopo, ne è stato dichiarato il decesso.

bimba 10 mesi muore overdose
(Pixabay)

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>>> Tragedia sul lavoro: morto ragazzo di 17 anni schiacciato dal muletto familiare

Secondo quanto affermato dai medici, la bambina è morta a causa di un’intossicazione acuta da farmaci. Un mix di cocaina e fenatyl che è stato letale per la piccola. Sotto accusa il padre, indagato omicidio colposo e omicidio colposo negligente.

Shock a Brooklyn, la nipotina dello scrittore Paul Auster muore di overdose

paul auster nipote morta overdose
Paul Auster (Foto dal web)

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>>> Malore improvviso in auto: giovane padre muore in ospedale

Una morte tragica che rimane però ancora inspiegabile. L’autopsia effettuata sul corpo della bambina ha chiarito che ad ucciderla è stato quel mix letale di sostanze; tuttavia la polizia non ha fornito spiegazioni sulla dinamica dell’incidente, non è stato quindi chiarito come abbia fatto la bambina ad entrare in contatto con tali sostanze. Per il momento l’unico indagato resta ancora il padre Daniel, figlio del famoso scrittore Paul Auster.

Nel 1996, Daniel Auster giocò un ruolo minore in un noto caso di omicidio, in cui il promoter Michael Alig e un complice uccisero e smembrarono uno spacciatore, Andrew Melendez, noto anche come Angel, e gettarono il suo corpo nel fiume Hudson. Nel 1998 Daniel fu dichiarato estraneo all’omicidio, ma colpevole di aver sottratto alla vittima $3.000 ed è stato pertanto condannato alla libertà vigilata.

Paul Auster famoso scrittore newyorkese, autore di grandi libri come “City of Glass” e “4 3 2 1”, ha preferito non esprimersi su quanto accaduto e sulle accuse rivolte al figlio.