Corsa ai supermercati, i cibi che presto scarseggeranno sugli scaffali. É il delirio

Supermercati. La guerra in atto attualmente tra Russia e Ucraina sta avendo ripercussioni ovvie e prevedibili a livello globale. Tra esse c’è l’impoverimento di alcune scorte alimentari. Scopriamo quali

Prima dello scoppio del conflitto tra Russia e Ucraina le Nazioni Unite avevano lanciato l’allarme poiché circa 44 milioni di persone, sparse in 38 nazioni, erano già sull’orlo della carestia.

Supermercati guerra russia ucraina
Scaffale vuoto del supermercato (Pixabay)

A distanza di più di tre mesi dall’inizio della guerra le ripercussioni economiche a livello internazionale sono più che evidenti. Le scorte alimentari iniziano a scarseggiare e il prezzo di alcuni prodotti è salito alle stelle. Questo accade perché Russia e Ucraina producono fino al 30% del grano mondiale e non solo. Tutto ciò è un’ulteriore prova di quanto dipendiamo gli uni dagli altri e di come l’interconnessione tra i popoli sia una realtà, come se la pandemia non ci avesse già impartito una lezione esaustiva.

Supermercati: gli alimenti che potreste non trovare più così facilmente

Supermercati guerra russia ucraina
Supermercato (Pixabay)

Il prezzo degli alimenti nei supermercati è destinato a salire ulteriormente a causa dell’invasione russa dell’Ucraina, avvertono gli esperti.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE —> “Impazzisco”, Eurospin e il prodotto che costa solo 1,59€. Clienti di tutta Italia in fermento!

L’Organizzazione delle Nazioni Unite ha rivelato che il costo dei cereali è aumentato del 17%, quello del grano del 19,7% e il mais del 19,1% a causa dell’interruzione della catena di approvvigionamento. Sale la preoccupazione per il rischio fame nel mondo.

Gli acquirenti stanno facendo razzia di alimenti che presto inizieranno a scarseggiare. Tra questi, ovviamente, tutti quelli fatti con il grano come pasta, pane, biscotti e tutti i prodotti da forno derivati (piadine, grissini, crackers, fette biscottate, merendine, pizza, ecc).

Russia e Ucraina, inoltre, producono circa l’80% dell’olio di girasole mondiale. Il costo di questo prodotto è aumentato al momento del 70% e sono molti i punti vendita che stanno vietando l’acquisto di più di un’unità per famiglia.

Allarme pure per i cibi in scatola. In questo caso il focus è sui metalli utilizzati per realizzare le lattine poiché i prezzi dell’alluminio e del nichel sono aumentati del 30% nel corso 2022. Non riguarda solo le scorte per gli esseri umani, anche gli alimenti per cani e gatti ha subito un rincaro.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE —> MD lancia la novità più attesa di tutte: potrete averla ad un prezzo che non ha paragoni

La Russia è il secondo produttore mondiale di petrolio. Il prezzo di un barile ha già raggiunto 139 dollari, il livello più alto da quasi 14 anni. Questo significa un significativo aumento dei costi dei trasporti. Di conseguenza, tutti gli altri prodotti non direttamente realizzati nei paesi coinvolti nel conflitto andranno comunque incontro a variazioni significative dei costi.

Impostazioni privacy